Orari natalizi 2018 di RiccioCapriccio

ico.jpg

Ciao RiccioLover! Sei lì con l'agenda ma non sai in quali giorni saremo aperti per il periodo natalizio?

Veniamo subito in tuo soccorso: segna tutto, mi raccomando!

8 dicembre chiusi

23 dicembre aperti dalle 10.00 alle 16.00

24 dicembre aperti dalle 10.00 alle 16.00

25, 26 dicembre chiusi

30 dicembre aperti dalle 10.00 alle 16.00

31 dicembre aperti dalle 9.00 alle 16.00

Il salone resterà chiuso dal 1 al 7 di gennaio. Riapriremo l’8 gennaio dalle 12.00 alle 20.30.

Tranne queste eccezioni rimane tutto come sempre :)

 Per prenotare puoi usare:

- il nostro numero telefonico 06 77590845,

- scriverci un messaggio privato sulla pagina fb,

- usare la nostra app,

- scriverci una mail

A presto!


25 novembre: Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

scarpe.jpg

Domenica 25 novembre è la Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

E' una giornata importante, una giornata per ricordare a tutti che le relazioni umane sono basate sul rispetto, sull'amore, sulla libertà di scelta.

Perché la violenza sulle donne si riflette su tutti noi.

Siamo al loro fianco tutti i giorni, curiamo la loro bellezza, le sosteniamo, le sorreggiamo, le aiutiamo.

 Chiediamo a voi di fare la stessa cosa: dal 25 novembre al 25 dicembre da RiccioCapriccio è aperta una raccolta fondi per sostenere La casa delle donne Lucha Y Siesta.

 Di cosa si tratta?

La casa delle donne Lucha Y Siesta è un progetto di accoglienza abitativa e sociale al femminile che fornisce informazione, orientamento, ascolto e accoglienza alle donne che ne hanno necessità. Qui si svolgono attività culturali e produttive che rendono questo uno spazio di socialità, condivisione di esperienze e competenze.

In questi anni tantissime donne hanno attraversato la casa e l’hanno plasmata, rendendola un luogo che contribuisce a rimettere in moto le intelligenze femminili calpestate, a ridare loro forza e valore oltre che restituire alla cittadinanza un pezzo importante del patrimonio pubblico.

Come puoi contribuire?

Abbiamo messo a disposizione le nostre Riccio Bag e i nostri gadget: ti bastano 5 euro come donazione simbolica per portarti a casa la borsa e attivare il cambiamento.

Le ragazze di Lucha Y Siesta hanno realizzato anche un libro, "Una mattina ci siam svegliate", che tesse un ragionamento intorno a donne, autorganizzazione, cultura, spazi di libertà e di cambiamento contro la violenza di genere e il sessismo, attraversando percorsi di riscatto, autonomia e dignità. Puoi acquistarlo con la bag a 10 euro.

Ci sembrava bello lasciarti un pensiero per la tua generosità.

Speriamo di vederti presto in salone.

 Grazie :)


Elite

elite.jpg

“Buonasera a tutti, shpagnoli e non!”

Scusate, ma su Netflix è uscita una nuova serie spagnola e lo sanno tutti che l’unica cosa da dire quando c’è di mezzo gli spagnoli è questa.

La sobria Elite racconta di un fantomatico liceo favoloso per ricchi in cui grazie a tre borse di studio arrivano tre poveri di cui una musulmana aumentando il coefficiente disagio di +100.

Già dal primo frame, e quindi non vi spoilero niente lo giuro, si capisce che c’è stato un omicidio e che quasi tutti gli studenti sono sospettati e quindi, manco a dirlo, la serie è fitta così di flashback.

Flashback in cui la maggior parte delle volte i nostri protagonisti sono nudi/impegnati in menage a trois/ubriachi/strafatti. Adorabili.

Quello che però più salta all’occhio è che tutto ‘sto benessere sbandierato non mi si rappresenta nei vestiti AGGHIACCIANTI di tutto il cast. Vorrei fare un articolo a parte sulle gonne e i vestiti di ‘ste disgraziate che nonostante i big money vanno a giro come in un cazzo di circo. SIETE SPAGNOLE, ANDATE DA ZARA, tamarre che non siete altro. In tutto ciò, di chi sarà stato l’assassino un po’ te ne freghi ma se amate le cose trash, senza senso, recitate male e scritte peggio, beh ragazzi Elite è la serie per voi.

Ah, alcuni del cast hanno ovviamente partecipato a La Casa di Carta perché comunque gli attori ragazzini spagnoli quelli sono, e quindi se vi va trovate pure un paio di facce amiche.

Però ecco, non è la serie dell’anno. No.


franci_def.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

31 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie: puoi seguirla sulla sua pagina facebook Io veramente guarda

Insatiable: polemiche a caso e tanto trash

insatiable.jpg

Siccome che gli americani sui pregiudizi ci sguazzano, qualche settimana fa era uscita tutta una mezza polemica sulla nuova serie di Netflix, Insatiable, dove la protagonista era grassa e poi è diventata magra e si vuole vendicare della gente infame che la bullizzava.

L’astio a prescindere per la trama veniva dal fatto che il messaggio poteva sembrare un po’ negativo, tipo che se ti infamano per anni e diventi cattiva NON VA BENE, e che l’attrice protagonista è, pensa un po’, una bona incredibile con un trucco fatto apposta per farla sembrare grassa.

Ora. Entrambe le polemiche mi sembrano un po’ sceme. Specie perché basta vedere qualche episodio per capire che le premesse della serie non sono sviluppate mai nella vita.

Uno si aspetta che via via la protagonista si vendichi con ogni orrendo compagno di scuola, e invece no. Incontra uno che oltre a fare l’avvocato nella vita aspira a diventare un coach per concorsi di bellezza ed è sposato con Alyssa Milano (Phoebe IO NON TI HO MAI DIMENTICATO) e da lì, bom!, scene a caso di lei che si innamora di lui, lei che vuole sabotare il matrimonio, lei che litiga con la madre cattiva, lei che vuole uccidere uno ma non lo fa.

Insomma, la serie prende una piega totalmente a caso rispetto al pilot. Il tutto con dei colori sgargiantissimi ed un’ambientazione che ricorda il mai abbastanza compianto Good Christian Bitches. Texas e donne stupide dappertutto, insomma.

Se volete sbugiardare le polemiche sterili americane, vedetevi pure un paio di puntate. Altrimenti diciamo che è una serie abbastanza superflua ecco, sì.


franci_def.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

31 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie: puoi seguirla sulla sua pagina facebook Io veramente guarda




Piccolo vademecum per la cura dei capelli ricci

riccia.jpg

Una delle domande che ci fate più spesso è: Come tagliate i capelli ricci? Spesso avete dei dubbi e anche un po’ di paura. Lo capiamo: il taglio e la manutenzione dei capelli ricci necessita di esperienza e cura. Inoltre, ogni riccio è diverso: qui inseriamo una serie di consigli che si adattano a quasi tutte rispondendo alle domande/richieste che ci fate di solito.

COME TAGLIATE I CAPELLI RICCI?

Prima del taglio facciamo una consulenza: capiamo qual è lo stato del riccio e di che tipo è. Solitamente, tagliamo i capelli prima da bagnati e li rifiniamo da asciutti. Diverso è per esempio se si tratta di un capello dal riccio afro: in quel caso il taglio viene effettuato dopo l’asciugatura.

VOGLIO IL CASCHETTO!

Sconsigliamo a chi ha i capelli ricci di scegliere un taglio con una lunghezza pari: per rendere giustizia ai ricci che sono dinamici è molto meglio un taglio scalato, irregolare. Questo consentirà ai ricci di “svilupparsi” in tutta la loro bellezza.

VOGLIO LA RIGA AL CENTRO!

Per consentire ai ricci di essere vibranti la scelta ideale è quella di seguire il loro verso naturale, senza creare cambiamenti che potrebbero alternarne la forma.

love.jpg

SE METTO IL BALSAMO O FACCIO LA MASCHERA I RICCI SI APPESANTISCONO?

Per niente! Una delle caratteristiche dei capelli ricci è proprio la mancanza di idratazione: è fondamentale quindi usare prodotti adatti. Quelli che consigliamo in salone appartengono alla linea Love di Davines, creata appositamente per i ricci. Prevede shampoo e conditioner; noi ci uniamo anche il latte idratante OI e il Crea Ricci per completare lo styling.

NON MI SPAZZOLO MAI I CAPELLI

Ci sono molte ragioni per cui è difficile spazzolare i capelli ricci: per loro natura tendono ad intrecciarsi e pettinarli quando sono asciutti diventa complicato. Consigliamo di pettinarli prima dello shampoo usando una spazzola adatta (ad esempio la Tangle Teezer) che sciolga i nodi senza farvi soffrire oppure pettinarli da bagnati prima di risciacquare il balsamo o la maschera.

STRIZZO SEMPRE I CAPELLI CON L’ASCIUGAMANO

Nope! Niente strizzamenti che favoriscono la formazione del crespo: molto meglio tamponarli.

POSSO ASCIUGARE I CAPELLI CON IL PHON CLASSICO?

Meglio di no. L’asciugatura ideale del riccio richiede l’uso del diffusore che permette di dare volume alla chioma evitando che i ricci si appiattiscano, perdendo dinamicità. D’estate lasciarli asciugare naturalmente è la scelta migliore.

VOGLIO I CAPELLI LISCI!

Di tanto in tanto ci sta, capiamo che si possa avere voglia di vedersi con un’acconciatura diversa ma sconsigliamo l’utilizzo eccessivo di piastre che fanno perdere ai capelli molta idratazione.

Speriamo di esservi stati utili! Se avete altre domande lasciate qui un commento oppure scriveteci sulla nostra pagina facebook :)

Evviva i ricci!

#Sour: Doveva chiamarlo? Magari domani

Americano.jpg

“Lei aveva pronunciato le due parole. Lui non aveva risposto. Doveva chiamarlo? Magari domani”

Milano chiama Torino. Più leggero del Negroni ma altrettanto affascinante, l’Americano gioca con gli stessi contrasti e richiami. A un passo dalla perfezione, risulta mediamente leggero, piacevole e facile da preparare. Considerato uno dei drinks pre-dinner più famosi e apprezzati al mondo, è l’aperitivo per eccellenza.

 A dispetto del nome, tutti gli ingredienti sono rigorosamente italiani, è conosciuto infatti, anche con il nome di Milano-Torino, le città da cui provengono i principali ingredienti: bitter Campari e Vermut. La sua origine risale alla seconda metà del 1800, nel bar di Gaspare Campari; caratterizzato dall’inconfondibile nota amarognola di fondo, stemperata dalla soda e dall’arancia, che rendono l’Americano perfetto per l’aperitivo, in abbinamento con finger food, cibi affumicati, tartine di salmone e salumi.

 3 cl di bitter Campari

3 cl di vermut rosso

Soda

Ghiaccio

Scorza di limone e fettina d’arancia


Roberta-Soru.jpg

#SOUR: Una storia d’amore fra illustrazioni e cocktail

di Roberta Soru

Perennemente dietro un monitor o china su uno smartphone ha fondato ctrl+f.

Illustratrice e bevitrice, con l’ossessione per il #foodporn, ha anagrammato il suo cognome, si è messa con un barman e ha creato #Sour, la loro storia tra illustrazioni e cocktail.

ErotiRock: la trasmissione radiofonica di Lilith Primavera

IMG-20181025-WA0003.jpg

A ottobre 2018 RiccioCapriccio ha deciso di sostenere “Erotirock”, un programma radiofonico sul mondo del sesso e della pornografia in onda su Radio Rock tutti i lunedì dalle 00.00 alle 1:00 realizzato da Lilith Primavera.

Ci siamo innamorati del modo gentile e competente con cui Lilith tratta questi argomenti: l’intento della trasmissione infatti è quello di esplorare il desiderio, abbattere i pregiudizi e smettere di sentirsi “diversi” o in colpa per qualcosa che è assolutamente naturale e strettamente legato alla natura del piacere.

RiccioCapriccio sostiene tutte le manifestazioni e gli eventi che possano apportare alla comunità un contributo di cultura e innovazione, libero da condizionamenti e disposto verso tutti coloro che vivono la vita con curiosità e apertura.


Chi è Lilith?

Performer, attivista LGBTQI, femminista, organizzatrice di eventi. Un’artista a 360 gradi, è stata Musa dello scultore Mimmo Pesce, ha vissuto a Londra, Barcellona, Berlino portando le sue performance in giro per tutta l’Europa ricercando e studiando la complessità e il senso di alcuni movimenti corporali, attraversando il mondo underground e queer, partecipando a cortometraggi, sostenendo la romanità e la poesia con i Poeti Der Trullo, approdando infine alla musica elettronica diventando musicista e interprete. Una vita piena ed entusiasmante.

Della trasmissione su Radio Rock dice: “Nella mia vita la cosa per cui lotto e mi impegno ogni giorno è l’autodeterminazione. Mi propongo di arrivare a più persone possibili in modo piacevole ma profondo, vorrei che nessuno si sentisse alieno per quello che prova o desidera. Per questo il confronto è fondamentale”.

44539104_347037262531797_4602943638266183680_o.jpg

Nelle puntate scorse di cui trovate i podcast qui, Lilith ha intervistato Giulia Anania, Anita Sena, Monica Stambrini, Valentina Nappi, Slavina sviluppando il tema della trasmissione, ogni volta differente, nelle sfumature di ognuna.

Di recente Lilith è stata anche una delle protagoniste di “Linfa” di Carlotta Cerquetti, documentario musicale sulla scena underground femminile di Roma Est, sulla passione per l’arte e la musica, sulla libertà di essere ciò che si è al di là dei ruoli stereotipati e sulla scelta di seguire il talento e i desideri che danno linfa alla nostra esistenza.

“Una storia di libertà e di resistenza artistica. Per me è stato un grande onore essere scelta da Carlotta e lavorare con donne di cui ho grande stima. Ammiro chi fa della sua vita un’opera artistica nonostante tutte le difficoltà del caso” dice Lilith. “Carlotta è riuscita a mettere in luce la vera me, il suo sguardo mi ha restituita perfettamente e sono grata per questo.”

ErotiRock va in onda tutti i lunedì dalle 00.00 alle 1:00 su Radio Rock. Se vuoi conoscere meglio Lilith qui trovi i suoi contatti social: sito, pagina fb, instagram.


RiccioCapriccio cerca colorist

post sito 500x425_lavora-1.jpg

RiccioCapriccio è un salone di parrucchiere che nasce con una dichiarazione di indipendenza in mente: voglio una testa tutta mia, lontana dai trend e dalle grandi marche del momento. Creiamo e inventiamo teste differenti, singolari e coraggiose, usando solo ed esclusivamente prodotti di origine naturale che si prendono cura di te senza danneggiare l’ambiente.

Siamo in via di San Giovanni in Laterano 142, nel cuore di Roma, a pochi passi dal Colosseo. Il nostro staff è giovane e creativo, con una formazione di alto livello in costante aggiornamento.

L’ambiente è amichevole e familiare: cerchiamo di fare il nostro lavoro divertendoci, senza mai rinunciare alla professionalità.

Stiamo cercando nuovi collaboratori, parrucchiere rifinito specializzato nel colore: sei tu?

Questi i requisiti indispensabili:

-        il taglio e il colore per te non hanno segreti: sei espert@ e lavori nel settore da almeno 5 anni,

-        sei creativ@ e ti piace sperimentare,

-        ti piace lavorare in team,

-        vuoi sempre migliorarti,

-        hai un’età compresa fra i 20 e i 40 anni,

-        cerchi un lavoro full time,

-        ti piace stare a contatto con le persone.

Nice to have

-        Da Riccio incontrerai persone provenienti da tutto il mondo: ci piacerebbe se tu parlassi inglese.

-        Siamo molto social! Se hai un account instagram o facebook oppure il tuo sito personale sul quale proponi i tuoi lavori saremmo felici di vederlo.

Cosa ti offriamo

-        Contratto d’assunzione,

-        Bonus aziendali e personali,

-        Corsi di formazione nazionali e internazionali a nostro carico per i più meritevoli.

Come candidarsi

Invia il tuo curriculum corredato da una foto recente alla mail info@ricciocapriccio.com.

Lascia perdere il formato europeo: scrivici chi sei, di cosa ti sei occupat@ fino a quel momento, dove ti sei format@, quali sono le tue ambizioni e i tuoi desideri.

Vuoi candidarti con un video? Fallo! Ci piace chi ha spirito d’iniziativa.

Dopo un primo colloquio conoscitivo ti chiederemo di portare in salone una persona che ti faccia da modella, sulla quale realizzare un taglio medio/corto o un colore. Potrai utilizzare i nostri strumenti (prodotti, colorazioni, lavaggi, phon, spazzole) ma ci aspettiamo che sia tu a portare le tue forbici. Ogni stylist dovrebbe avere le sue :)

Aspettiamo la tua candidatura! Per ulteriori informazioni e delucidazioni scrivi a info@ricciocapriccio.com

RiccioCapriccio cerca hairstylist

post sito 500x425_lavora-2.jpg

RiccioCapriccio è un salone di parrucchiere che nasce con una dichiarazione di indipendenza in mente: voglio una testa tutta mia, lontana dai trend e dalle grandi marche del momento. Creiamo e inventiamo teste differenti, singolari e coraggiose, usando solo ed esclusivamente prodotti di origine naturale che si prendono cura di te senza danneggiare l’ambiente.

Siamo in via di San Giovanni in Laterano 142, nel cuore di Roma, a pochi passi dal Colosseo. Il nostro staff è giovane e creativo, con una formazione di alto livello in costante aggiornamento.

L’ambiente è amichevole e familiare: cerchiamo di fare il nostro lavoro divertendoci, senza mai rinunciare alla professionalità.

Stiamo cercando nuovi collaboratori, parrucchiere rifinito specializzato nel taglio: sei tu?

Questi i requisiti indispensabili:

-        il taglio e il colore per te non hanno segreti: sei espert@ e lavori nel settore da almeno 5 anni,

-        sei creativ@ e ti piace sperimentare,

-        ti piace lavorare in team,

-        vuoi sempre migliorarti,

-        hai un’età compresa fra i 20 e i 40 anni,

-        cerchi un lavoro full time,

-        ti piace stare a contatto con le persone.

Nice to have

-        Da Riccio incontrerai persone provenienti da tutto il mondo: ci piacerebbe se tu parlassi inglese.

-        Siamo molto social! Se hai un account instagram o facebook oppure il tuo sito personale sul quale proponi i tuoi lavori saremmo felici di vederlo.

Cosa ti offriamo

-        Contratto d’assunzione,

-        Bonus aziendali e personali,

-        Corsi di formazione nazionali e internazionali a nostro carico per i più meritevoli.

Come candidarsi

Invia il tuo curriculum corredato da una foto recente alla mail info@ricciocapriccio.com.

Lascia perdere il formato europeo: scrivici chi sei, di cosa ti sei occupat@ fino a quel momento, dove ti sei format@, quali sono le tue ambizioni e i tuoi desideri.

Vuoi candidarti con un video? Fallo! Ci piace chi ha spirito d’iniziativa.

Dopo un primo colloquio conoscitivo ti chiederemo di portare in salone una persona che ti faccia da modella, sulla quale realizzare un taglio medio/corto o un colore. Potrai utilizzare i nostri strumenti (prodotti, colorazioni, lavaggi, phon, spazzole) ma ci aspettiamo che sia tu a portare le tue forbici. Ogni hairstylist dovrebbe avere le sue :)

Aspettiamo la tua candidatura! Per ulteriori informazioni e delucidazioni scrivi a info@ricciocapriccio.com

Maniac

Maniac2.jpg

Prendi Emma Stone, prendi Jonah Hill in una versione tutta nuova e magra e buttaci in mezzo una storia davvero ma davvero bizzarra. Voilà, ecco Maniac di Netflix.

C’è un po’ di Eternal Sunshine, un po’ di Lost e un altro po’ di cose a caso se le vogliamo trovare.

La cosa che più intrippa in assoluto è senza dubbio la totale mancanza di punti fermi a livello di ambientazione storica. Sembrano gli anni ’80, ma anche un po’ i ’90. E poi ci sono tecnologie avanzatissime tipo koala viola di peluche che giocano a scacchi ma anche computer giganti con le scrittine verdi e grafiche trash. Insomma, non si capisce QUANDO siamo.

Tutta ‘sta confusione temporale fa però da sfondo ai due personaggi principali, ognuno specialone a modo suo, che si candidano a diventare cavie per un farmaco sperimentale che controlli le emozioni.

In un ambiente protetto che fa tanto Dharma (per quello ho citato Lost, le isole pazzissime non c’entrano niente, lo giuro) Emma Stone, Jonah Hill e altri disperati dovranno rivivere i momenti più traumatici delle loro vite per, si spera, trovare il modo di controllare le emozioni che da lì derivano.

Ora. L’idea è bellona, l’ambientazione di più ma c’è sempre quel che di “ma che cazzo sto guardando” che non ti abbandona praticamente mai. C’è da dire però che io sono arrivata esattamente a metà. Magari poi lo finisco, capisco tutto e ve lo dico.

Intanto, un applauso sentitissimo allo scenografo, perché davvero, è tutto BELLISSIMO.  


franci_def.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

31 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie: puoi seguirla sulla sua pagina facebook Io veramente guarda



Inquiete 2018, ecco com'è andata

gruppo.jpeg

Lo scorso weekend (dal 4 al 7 ottobre) la gang di RiccioCapriccio insieme ai nostri partner Davines ha invaso le vie del Pigneto per Inquiete Festival, l’unico festival italiano dedicato alle scrittrici donne che ne mette al centro l’intelligenza e il talento ideato dalle preziosissime ragazze di Tuba Bazar e realizzato attraverso l’Associazione MIA.

Cosa dire oltre che è stato meraviglioso? Centinaia di persone, nonostante i giorni di meteo incerto, hanno partecipato attivamente, ascoltando, ponendo domande, comprando libri e sì, prestandosi a giocare con noi.

Domenica, insieme a Francesca Di Giuliano di Nobody kills Unicorn e Davines, abbiamo messo su la nostra postazione “Diventa la tua scrittrice preferita”: ogni persona aveva a disposizione parrucche, abiti, accessori per trasformarsi nell’icona della letteratura del proprio cuore. La più gettonata? Elena Ferrante, che ha finito per assumere look incredibili. Ad immortalare questi momenti le magiche ragazze di Arise from eyes, fotografe eccezionali. Vi abbiamo regalato tantissimi gadget: i deliziosi campioncini di Davines della linea Renewing, le nostre spillette, cartoline, borse e i mitici segnalibro. Perché le teste delle donne per noi sono belle dentro e fuori.

Domenica è stata anche la giornata dedicata agli Esordi, sezione curata dalla Società Italiana delle Letterate. Abbiamo ascoltato le voci di Carla Fiorentino, Carolina Orlandi e Giorgia Tribuiani introdotte maestosamente dalla nostra Alessandra Di Pietro che è stata splendida nel raccontare al pubblico cos’è RiccioCapriccio: non solo un salone di parrucchiere ma una comunità fondata sul coraggio di osare e sulla cooperazione fra le donne.

Passiamo ai ringraziamenti, proprio come alla notte degli Oscar, grazie a:

  • le ragazze meraviglia di Tuba,

  • Davines che ha supportato la manifestazione e noi,

  • il nostro staff (grazie ad Andrea, Ahmed e Barbara),

  • Tamara Viola che si è occupata della comunicazione e Alessandra Meneghello che ha curato la grafica dei nostri totem e segnalibri,

  • Francesca Di Giuliano che ci portato tutto il suo stile,

  • Alessandra Di Pietro, nostra fedelissima consigliera,

  • alle clienti storiche che sono passate a salutarci e a tutti voi che avete giocato con noi.

Ci vediamo il prossimo anno, sempre più forti, sempre più Inquiete!

Ottobre è Inquiete!

post sito 500x425_inquiete.jpg

Ci siamo: da oggi 4 ottobre fino al 7 ottobre 2018, per le vie del Pigneto si terrà Inquiete Festival di cui siamo fierissimi sponsor. Abbiamo preparato per voi tantissime sorprese che speriamo vi piaceranno.

Quest’anno abbiamo scelto di sostenere la sezione Esordi, a cura della Società Italiana delle Letterate.

Domenica 7 alle 15:00 Carla Fiorentino presenta "Cosa fanno i cucù nelle mezz'ore" e Carolina Orlandi presenta "Se tu potessi vedermi ora", mentre alle 20:00  sarà il turno di Giorgia Tribuiani che presenta "Guasti" e Sara Gamberini che presenta "Maestoso è l'abbandono". Ci piacerebbe che foste in tanti a sostenere queste ragazze.

Sempre domenica, con l’aiuto di Francesca Di Giuliano aka Nobody kills Unicorn e le ragazze di Aryse From Eyes vi trasformeremo nelle vostre scrittrici del cuore: la nostra postazione aprirà i battenti alle 15.30 fino alle 19.30, qui trovate i dettagli :)

dav.jpg

Nostri “partner in crime”, non solo nella vita lavorativa ma anche per questo evento, Davines, un marchio che abbiamo scelto perché sposa perfettamente i nostri valori e che fa moltissimo per le donne. Nei giorni del festival avrete l’opportunità di provare la nuova linea Renewing che aiuta a mantenere la salute di cute e capelli: pioveranno gadget e campioncini!

Se vivi lontano da Roma ma vuoi comunque sapere cosa combineremo seguici su instagram, ci sono tante stories in arrivo per te: la nostra digital strategist Tamara sarà l'inviata speciale.

Qui trovi il programma completo della manifestazione che è gratuita e aperta a tutti.

Ci vediamo in giro! :)

World Style Contest 2018: ecco com'è andata

modella lau.jpeg

Ieri, 24 settembre 2018, la nostra stylist Laura Towers è salita sul palco del Teatro Brancaccio di Roma insieme ad altri sei sfidanti per conquistare lo scettro del World Style Contest 2018, organizzato da Davines, il marchio che abbiamo scelto per il nostro salone.

Partecipare ad una competizione di questo tipo è esaltante perché mette continuamente alla prova le tue capacità, amplia la tua visione professionale e ti permette di esprimere al meglio la tua creatività. 

Dietro ogni competizione ci sono sempre mesi di lavoro e di ricerche. Il metodo che ha usato la nostra Laura ha una prima fase grafica/visiva: ha espresso la sua idea in una moodboard ispirata a Jean Paul Goude, un artista che ha affrontato e superato con la sua arte barriere razziali, culturali e sessuali durante lo splendido periodo dello Studio 54.

Ha trasferito così le sue idee di taglio e colore sulla sua modella, Valentina Ottaviani.

Per Laura è stata un’esperienza molto formativa, che le ha permesso di uscire dalla famosa “comfort zone”: voi clienti la conoscete e sapete quanto sia timida. Il vostro sostegno e quello di tutto lo staff di RiccioCapriccio è stato molto ispirante.

Grazie come sempre a Davines per l’ospitalità e la cura.

Qui nella gallery le foto “rubate” dell’evento!

Inquiete festival: Riccio c'è!

 Foto di Musacchio, Ianniello & Pasqualini

Foto di Musacchio, Ianniello & Pasqualini

Siamo felicissimi di annunciarvi che RiccioCapriccio è sponsor del Festival di scrittrici a Roma InQuiete che si terrà dal 4 al 7 ottobre 2018.

Nato dall'idea delle ragazze di Tuba Bazar e realizzato attraverso l’Associazione MIA, si propone di essere uno spazio per ridisegnare il ruolo delle donne nella letteratura.

"L’idea di un festival che mettesse al centro l’intelligenza e il talento delle donne ci girava in testa da tempo, ed è questo progetto che ci ha fatte incontrare e ha messo in moto una macchina organizzativa desiderante. Abbiamo voluto costruire uno spazio di parola pubblica, di incontro, riflessione. Uno spazio vitale. Tre giornate dedicate alle donne che scrivono, alle lettrici e ai lettori. Un tempo per stare insieme, per mettere in comune un patrimonio prezioso, per rinsaldare il patto narrativo fra le scrittrici e il pubblico. Un festival per dare visibilità alle scrittrici e mettere in luce una parte di mondo più ampia e immaginare orizzonti e soluzioni diverse. inQuiete è la nostra risposta a chi pensa ancora che le donne raccontino storie minori, siano protagoniste solo in seconda serata, non trovino spazio nella permanenza."

Il Festival si svolge sull’isola pedonale del Pigneto. Riccio partecipa attivamente sponsorizzando la sessione Esordi: domenica 7 ottobre alle 15:00 presso il PALCO BIBLIOTECA, a cura della Società Italiana delle Letterate, Carla Fiorentino presenta "Cosa fanno i cucù nelle mezz'ore" e Carolina Orlandi presenta "Se tu potessi vedermi ora". Introduce Alessandra Pigliaru.

Avremo anche uno spazio a disposizione per trasformarvi nelle vostre scrittrici preferite e portarvi a casa una foto ricordo fornita dalle ragazze di Arise From Eyes.

Il programma completo è qui. Potete ancora fare la vostra parte e donare!

Non vediamo l'ora di vedervi, abbracciarvi e scambiarci consigli di libri.

#Sour: quella sera lei gli chiese se fosse stata un cocktail, quale.

white-lady.jpg

“Quella sera lei gli chiese, se fosse stata un cocktail, quale.”

 Mai nome fu più azzeccato nella storia dei cocktail, come in questo caso.

Dama bianca, signora elegante e raffinata, che nasconde sotto una veste candida, una sinfonia di gusti incredibili. Tutto si gioca su toni agrumati, che vanno a intrecciarsi con il pungente gin.

 Conosciuto anche come Delilah, Chelsea sidecar e Lillian forever, il White Lady è un parente molto stretto del Sidecar, ma al posto del Cognac, viene utilizzato il Gin. Particolare non da poco, dato che all’abbraccio caldo è vellutato del Cognac si sostituisce l’algido tocco nordico, dai profumi di bosco e ginepro, del gin.

 La storia del White Lady è terreno di battaglia! La prima ricetta scritta, compare nell’inebriante Savoy Cocktail Book di Harry Craddock, ma si vocifera che l’ideatore fosse l’inossidabile Harry MacElhone. Purtroppo vivremo tormentati da questo amletico dubbio!

Occhio al grado alcolico!

Come molte cose belle e affascinanti il White Lady può essere pericoloso.. ha infatti un volume di alcol piuttosto alto, può essere bevuto all’aperitivo, ma non bisogna esagerate.

•   4 cl di gin

3 cl di triple sec

2 cl di succo di limone appena spremuto


Roberta-Soru.jpg

#SOUR: Una storia d’amore fra illustrazioni e cocktail

di Roberta Soru

Perennemente dietro un monitor o china su uno smartphone ha fondato ctrl+f.

Illustratrice e bevitrice, con l’ossessione per il #foodporn, ha anagrammato il suo cognome, si è messa con un barman e ha creato #Sour, la loro storia tra illustrazioni e cocktail.

OITNB: c'è la sesta stagione, baby!

orange-is-the-new-black-6-560x464.jpg

Sì lo so, ormai siamo alla sesta stagione di Orange is the new black (OITNB) e in teoria anche un po’ che ci frega delle magiche avventure in quel di Litchfield. Però oh la quinta stagione era finita con un cliff della madonna e allora che fai, non te li vedi IN TRE GIORNI tutti e 13 gli episodi? Sì, lo fai. O almeno, io l’ho fatto.

Come sempre, quei mattissimi sceneggiatori sanno come rimescolare le carte in tavola e allora sbam, è un attimo che ti sparpagliano le nostre detenute in diversi blocchi del carcere e ti introducono mega cattivoni freschi di stampa.

Stavolta più che mai, vige la legge del “mors tua vita mea”.

Ex amichette che quasi si accoltellano (ma senza coltelli, con arnesi ben più rudimentali perché siamo pur sempre in prigione) per il terrore di una testimonianza a loro sfavore dopo il riot; ex protette che non lo sono più ed ex amanti che ehi, incredibilmente lo rimangono.

Perché tra tutte, assurdo a dirsi, Alex e Piper alla fine dei guai sono quelle più coerenti a loro stesse. Si amano da 6 anni, con qualche intoppo nel mezzo, certo, ma chi non li ha.

Intorno a loro sorelle infami, vecchiette spietate, guardie vendute, nuove dipendenze, innocenti alla sbarra e insomma, la solita fauna che si trova nella ridente prigione che tanto amiamo da anni.

Stavolta l’espediente della guerra tra blocchi (ovvero kaki contro blu contro rosa, ovvero cattive contro più cattive contro un po’ meno cattive) funziona anche se ridondante.

Devo ammettere che coi primi 4 episodi ho avuto molta paura, specie col primo che un po’ di dubbi sulla qualità della droga che gira nelle stanze di Netflix me li ha fatti venire ma dal quinto episodio in poi, giuro, tutto migliora nettamente.

Per la settima stagione ho un po’ timore: quante dinamiche ancora potranno raccontare? Infinite? Io non credo.

Però ehi, stiamo pur sempre parlando di Jenji Kohan, un pochetto di fiducia se la merita!


franci_def.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

31 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie: puoi seguirla sulla sua pagina facebook Io veramente guarda



Studio 60, un mini capolavoro di Aaron Sorkin.

studio60.jpg

Correva l’anno 2006, un’annata brutta come la fame se con fosse che la NBC ha mandato in onda la prima (e unica stagione) di Studio 60 on the Sunset Strip.

Il feticcio di Sorkin per raccontare il dietro le quinte di QUALSIASI COSA è da sempre evidente, l’ha fatto con Sports Night, con The Newsroom e, beh, con The West Wing che ve lo dico a fare.

Nel caso di Studio 60 viene raccontato il magico mondo di un programma che potrebbe essere una roba tipo il Saturday night live, diciamo, e come in tuuuuutte le creature di quel tossico adorabile di Sorkin, la gente cammina e parla, parla e cammina. Velocissimo, sempre.

I protagonisti indiscussi sono il producer e il capo autore del programma, rispettivamente Bradley Withford e Matthew Perry, due dei personaggi più carini mai stati scritti nella storia della tv, diciamolo. C’è anche Sarah Paulson, prima di diventare capo del mondo e musa di Ryan Murphy. E Amanda Peet, sempre bellissima.

Gli episodi sono 22 e siccome la gente è scema, l’hanno visto in pochissimi questo piccolo gioiello. Perché comunque non dobbiamo mai scordarci che le persone le cose belle non se le meritano maimai. Se vi interessano dialoghi mega favolosi lunghissimi ed intelligentissimi e ne sapete un pochino di tv, o magari non ne sapete ma vi piacerebbe saperne, vi prego, guardatelo.

E’ bello, è scritto bene, la fotografia è un po’ marroncina sì ma le storyline sono tutte adorabili e, siccome Sorkin lo sapeva che gli cancellavano il figlioletto alla prima stagione, ha pure scritto una fine vera e realmente conclusiva. Se fate i bravi in due settimane la finite. Vi darei io il cofanetto, ma già l’ho prestato. Se non lo trovate sui torrenti, cosa probabile, COMPRATELO ANCHE VOI. Davvero.


franci_def.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

31 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie: puoi seguirla sulla sua pagina facebook Io veramente guarda

#Sour: tra i lidi di Sabaudia, sorseggiando un Daiquiri, fu subito Cuba

daiquiri.jpg

“Tra i lidi di Sabaudia, sorseggiando un Daiquiri, fu subito Cuba”.

Il Daiquiri, il cocktail preferito di Ernest Hemingway. Difficile stabilire l’origine esatta, dato che si è iniziato a preparare sour appena si imparò a distillare rum dalla canna da zucchero. Cocktail caraibico per eccellenza, facile da realizzare, dal gusto puro e genuino. Un elisir cristallino ed essenziale.

I marinai inglesi presero in prestito la ricetta caraibica già nel 1700, per combattere lo scorbuto. Producevano un grog, forte e ricco di vitamina C, da bere durante le lunghe traversate. Dopo la rivoluzione cubana, il cocktail passò dalle sabbie di Cuba ai cocktail bar più cool di New York, conquistando la città.

Come per tutti i sour valgono le solite due regole, per un cocktail perfetto: usare agrumi perfettamente maturi e rispettare le dosi, per mantenere il giusto equilibrio.

4,5 cl di rum

2 cl di succo di lime

0,5 cl di sciroppo di zucchero


Roberta-Soru.jpg

#SOUR: Una storia d’amore fra illustrazioni e cocktail

di Roberta Soru

Perennemente dietro un monitor o china su uno smartphone ha fondato ctrl+f.

Illustratrice e bevitrice, con l’ossessione per il #foodporn, ha anagrammato il suo cognome, si è messa con un barman e ha creato #Sour, la loro storia tra illustrazioni e cocktail.

Il diritto all'indecenza - Una pornoattivista al mare

slav1.jpg

La mia estate da emigrante si compone di almeno due fasi ben distinte: la visita alla famiglia d’origine nella madrepatria e l’ormai tradizionale vacanza in campeggio in una amena località della Costa Brava, litorale del nord della Catalunya che arriva al confine con la Francia. Sono ormai 6 anni che con mia figlia e suo padre rispettiamo religiosamente il precetto “Stessa spiaggia, stesso mare”: siamo una famiglia poco tradizionale e il fatto di tornare ogni anno nello stesso luogo di villeggiatura (dove soprattutto la bambina ha coltivato delle amicizie) ci garantisce una stabilità che rende la vacanza molto rilassante - tutto ormai funziona quasi in automatico.

Io in realtà non amo particolarmente campeggiare. Quando ero piccola la vacanza in campeggio aveva un ineguagliabile fascino e il fatto che adesso mi trovi incastrata da adulta in un sogno bambino lo devo forse a quel “Dio della febbre” (cit. ZeroCalcare) che esaudisce i desideri a scoppio ritardato.

Con la mia famiglia d’origine le vacanze erano nella casa di montagna di mia zia e l’unico punto in comune che avevano con le vacanze in campeggio era la mancanza di privacy - la condivisione dell’intimità era un fatto naturale e scontato e quando le ricordo oggi, ammantate del romanticismo della memoria, mi chiedo quale meraviglioso equilibrismo emotivo ci tenesse allegri quando dormivamo quasi una sull’altra e con un bagno solo per 10 persone.

Il campeggio, per me che come Hugh Hefner ho la tendenza a fare qualsiasi cosa dal letto, non è solo scomodo, a volte è proprio tragico. Ma il punto più alto del fastidio è relativo alla convivenza forzata con le famiglie vicine di tenda e al fatto che in questa prossimità devo adeguarmi al comune senso del pudore, ovvero ricordarmi di fare finta che ci sono parti del corpo di cui mi vergogno. Perché io invece non mi vergogno…

A pensarci bene, la vacanza al mare è un po' il festival della vergogna. Innanzitutto, ti devi vergognare delle parti del corpo che ci si aspetta tu tenga coperte: i genitali, il culo, i seni. Poi se hai qualche chilo di troppo (o di meno), devi vergognarti pure un po’ di più. Poi devi vergognarti dei peli, se non ti sei depilata bene o (anatema!) non ti sei depilata affatto. Poi se hai qualche “imperfezione” fisica, tipo cellulite, smagliature, brufoli e via discorrendo, Uh che vergogna. Poi se hai le mestruazioni - oltre alla molestia di dover trovare un bagno o infrattarti alla meglio per controllare ciclicamente le tubature - pure quello, che vergogna!

Poi se arrivi alla spiaggia col colorito bianco-verdino da animale urbano, che per caso non vorrai vergognarti un po' anche di quello?

Io sono una ragazza fortunata: a parte gli anni ingrati dell’adolescenza (in cui mi vergognavo di esistere) il sistema della vergogna sono riuscita a contestarlo e a demolirlo appena raggiunta l’età della ragione per puro ribellismo, anche prima che il femminismo mi fornisse gli strumenti per capire quanto c’era di politico nell’oppressione che ci vuole imbrigliate in modelli di decenza selettivi e di bellezza inarrivabili.

Eppure ancora soffro. Soffro per empatia, per tutte le altre per cui una giornata sulla spiaggia diventa una sfida con se stesse: quelle insicure, quelle fuori forma e fuori misura, quelle strane, quelle i cui corpi mettono in discussione l’idea binaria di femminile/maschile. Per loro una giornata in spiaggia puó diventare un incubo di sguardi indesiderati, commenti fastidiosi a mezza bocca quando non direttamente insulti a scena aperta.

E soffro pure per me, quando tornata dalla spiaggia arrivo alla mia tenda e vorrei tranquillamente togliermi il costume e infilarmi l’accappatoio per raggiungere la doccia - e invece nella tenda ci devo entrare per nascondermi e cambiarmi al riparo dagli sguardi. Perchè non farlo, in un contesto “familiare” (eteronormato) è considerato poco meno che un atto di pornoterrorismo. Una provocazione che compiace il maschio (etero) che si sente invitato a una festa esclusiva - come se non avesse mai visto due sise in vita sua - e che irrita mortalmente la sua compagna/fidanzata/moglie/accompagnatrice varia ed eventuale.

Per fortuna in Catalunya, almeno sulla spiaggia, il livello di controllo sui corpi è più blando che in Italia (ho un po' il polso della situazione perché come ho detto, parte delle vacanze estive le passo in Italia - e al mare, non più nella casa di montagna di mia zia che l’ha sfracellata il terremoto).

Qua nella terra dove un giorno trionfò l’anarchismo politico (purtroppo per molto poco) ci si può discretamente cambiare il costume direttamente in spiaggia o stare addirittura in topless senza temere una denuncia per oltraggio al pudore o di essere chiamate Buttane! (Mondello, giugno 2018 - testimonianza di Ada, milanese residente all’estero da almeno un decennio che me lo raccontava ad occhi sbarrati, ancora incredula).

Poi sono abbastanza diffuse le spiagge nudiste, che per una svergognata professionale come me sono un’idea di paradiso: spazi in cui esiste un tacito patto di rispetto dell’altrui corpo, per cui puoi essere magra, grassa, pelosa come una scimmia o glabra ma generalmente non ti si fila nessuno.

E io lì posso finalmente godermi il diritto all’indecenza, spiattellandomi a gambe larghe davanti al mare e lasciando che la brezza mi sfiori il sesso senza la benché minima preoccupazione della soglia del pudore altrui: la spiaggia è grande e si può guardare altrove, invece chi vuole può pure mettersi a guardare, gli regalo una lezione di anatomia gratis basta che non mi vengano a chiedere dettagli perché non sono in servizio, quello che cerco è riposo assoluto e un contatto profondo con la Natura.

Lo chiarisco, perché non vorrei che il mio discorso suonasse normativo al contrario: io sono dell’idea che ognuna si espone come può e vuole. Non è obbligatorio denudarsi né spiattellarsi, a me piace farlo e mi sono ritagliata una dimensione in cui non devo fingere di avere un pudore. E la rivendico non come forma di provocazione ma come pratica libertaria.

Quello che però mi sento di ribadire forte e chiaro è che gli spazi di libertà dei corpi non sono garantiti, bisogna sempre conquistarseli e in qualche caso difenderli - e che è bene che soprattutto noi donne ci ricordiamo sempre che (come dice la mia saggia amica Valeria) “C’è da vergognarsi solo a fa’ del male”.


slavina.jpg

FRONTE DEL PORNO

di Slavina Perez

Pornografa femminista e (quasi di conseguenza) educatrice sessuale, Slavina vive tra l'Italia e la Spagna promuovendo attraverso spettacoli e laboratori una svergognata consapevolezza sui temi del corpo, del genere e del sesso. Su facebook con la pagina Intimidades Compartidas.