ricciocapriccio

#CiPassaLaFame: passa all'azione

cipassalafame_def.jpg

Car* Ricciolover,

oggi vogliamo invitarti a fare una riflessione e insieme a passare l’azione.

Perché? Perché siamo stanchi di leggere prime pagine indecenti, offensive per l’umanità tutta. Perché siamo stanchi del linguaggio pieno di odio che ogni giorno viene disseminato sui social. Perché siamo stanchi di vedere ragazzi bellissimi, giovani e pieni di volontà strappati e allontanati da una realtà nella quale si sono inseriti portando valore per tutti noi. Perché siamo stanchi di piangere su morti che potevano essere evitate.

Non ci proponiamo di cambiare il mondo ma vogliamo che tu sappia da che parte stiamo. E lo ricordiamo ogni giorno: con il nostro lavoro, con il nostro staff, con i nostri progetti.

Abbiamo deciso perciò di aderire alla campagna #CiPassaLaFame, un digiuno collettivo per i diritti dei migranti .

CHE COS’E’ #CIPASSALAFAME E COME ADERIRE

“Ho visto segni orribilmente profondi di colpi d’accetta sulle piante dei piedi di un ragazzo: glieli avevano fatti gli aguzzini nelle prigioni illegali libiche. Quando l’ho incontrato zoppicava soffrendo a dismisura. Ho visto una donna le cui parti intime erano state così ripetutamente violate durante la prigionia che non riusciva né a tenersi in piedi né a indossare alcun indumento senza provare dolore. Quando l’ho incontrata era un fantasma di se stessa. Ho visto braccia e gambe di diversi ragazzini marchiate con plastica fusa, sempre da parte degli aguzzini che ricattavano al telefono i loro familiari. Quando li ho incontrati mi mostravano i segni ma erano sollevati di essere usciti da quell’inferno sani e salvi. Il ragazzo, la donna, i ragazzini li ho conosciuti tutti nello stesso giorno, quel 14 settembre 2017 in cui come giornalista a bordo della nave Aquarius ho testimoniato il salvataggio di 371 persone di 16 nazionalità diverse. Ho le foto qui davanti delle atrocità che vi ho descritto: scelgo di non metterle, ma chiudete gli occhi e immaginatele, per favore. Le ho fatte io e io ve le sto descrivendo”. Daniele Biella.

Non si può restare indifferenti a queste parole. Come cittadini comuni continuiamo a chiederci “cosa possiamo fare” e non abbiamo risposta. Ma leggere le testimonianze come quella di Daniele, e dei tanti giornalisti e operatori umanitari che sono stati in Libia, e tornare a fare la nostra vita quotidiana non è più sostenibile, almeno per le nostre coscienze.

Ecco perché questo sciopero della fame.

Una giornata intera senza mangiare in ricordo di chi ha perso la vita nel Mediterraneo, col pensiero alle migliaia di uomini, donne e bambini ancora oggi bloccati nei lager in Libia, e in solidarietà con tutti i migranti già in Italia e in Europa, che vedono la loro ricerca di una vita migliore ostacolata da leggi ingiuste e controproducenti.

Abbiamo scelto il 28 gennaio, in continuità con la Giornata della Memoria, per ricordarci che la morte e la miseria umana sono ancora qui, a pochi chilometri da noi, e non possiamo più accettarlo.

COSA PUOI FARE TU:

– Aderisci all’evento compilando questo form https://goo.gl/forms/PPsNidIq2v50vECj1 e aiutaci a promuoverlo tra i tuoi conoscenti e contatti;
– La giornata del 28 fatti una foto davanti ad un piatto vuoto e postala sui social con l’hashtag #CiPassaLaFame ripubblicando l’appello e se vuoi raccontando anche i motivi che ti hanno spinto ad aderire;
– Dona quello che hai risparmiato non mangiando ad una delle organizzazioni che si occupano di salvataggio in mare dei migranti;
– Organizza una raccolta alimentare e dona il ricavato ad una delle associazioni che lo possono distribuire;
– Spiega ai tuoi colleghi in pausa pranzo perché non stai mangiando e discuti con loro del tema;
– Organizza una “cena a digiuno” per coinvolgere amici, familiari, vicini di casa…e chiunque abbia interesse ad attivarsi con ulteriori azioni a favore di migranti e rifugiati.

Nella giornata del 28 a Roma si terrà la manifestazione “Non siamo pesci” promossa da intellettuali, artisti e diverse personalità. L’appuntamento è alle 17 davanti a Montecitorio. Chi può partecipi.

Per adesioni di enti e associazioni scrivi a: cipassalafame@gmail.com

Ogni gesto, anche piccolissimo, può fare la differenza. Grazie :)

Un Taglio Solidale presenta Go Ahead

GO+AHEADpowered+by+ricciocapriccio.jpg

Nell’ambito di Un Taglio Solidale, l’associazione culturale nata con lo scopo di sostenere e aiutare le donne in difficoltà, Laura Towers e Alessandra Pucci hanno realizzato il progetto di inserimento sociale “Go Ahead”, rivolto a ragazzi con meno di venticinque anni, italiani e non, provenienti da associazioni che si occupano di tutelare e accogliere i minori in difficoltà.

INSEGNARE, ISPIRARE E MIGLIORARE

L’intento del progetto è quello di dare loro la possibilità di affacciarsi al mondo del lavoro nei saloni di parrucchiere incoraggiandoli a prendersi cura di sé stessi e dell’ambiente in cui lavorano, infondendogli l’amore per la bellezza sostenibile.
Conosciamo l’importanza dell’apporto all’economia sostenibile per il futuro del pianeta, a partire dall’educazione dei giovanissimi, leva primaria per una maggiore sensibilizzazione alle tematiche ambientali.

Il progetto avrà inizio il 4 febbraio 2019 per la durata di otto settimane. Le lezioni si terranno ogni lunedì dalle 14.00 alle 18.00.

RiccioCapriccio, avvalendosi della specializzazione del suo staff, insegnerà ad una classe di sei elementi le tecniche primarie necessarie per proporsi come assistente o apprendista in un salone.
Gli incontri avranno una parte teorica e una pratica.
Al termine del progetto i ragazzi vivranno una giornata tipo in salone e dovranno dimostrare le competenze acquisite. Al più meritevole sarà donato un kit base con phon, spazzole, pettini e becchi.

Per candidarsi basta contattare RiccioCapriccio al numero 06 77590845.

World Style Contest 2018: ecco com'è andata

modella lau.jpeg

Ieri, 24 settembre 2018, la nostra stylist Laura Towers è salita sul palco del Teatro Brancaccio di Roma insieme ad altri sei sfidanti per conquistare lo scettro del World Style Contest 2018, organizzato da Davines, il marchio che abbiamo scelto per il nostro salone.

Partecipare ad una competizione di questo tipo è esaltante perché mette continuamente alla prova le tue capacità, amplia la tua visione professionale e ti permette di esprimere al meglio la tua creatività. 

Dietro ogni competizione ci sono sempre mesi di lavoro e di ricerche. Il metodo che ha usato la nostra Laura ha una prima fase grafica/visiva: ha espresso la sua idea in una moodboard ispirata a Jean Paul Goude, un artista che ha affrontato e superato con la sua arte barriere razziali, culturali e sessuali durante lo splendido periodo dello Studio 54.

Ha trasferito così le sue idee di taglio e colore sulla sua modella, Valentina Ottaviani.

Per Laura è stata un’esperienza molto formativa, che le ha permesso di uscire dalla famosa “comfort zone”: voi clienti la conoscete e sapete quanto sia timida. Il vostro sostegno e quello di tutto lo staff di RiccioCapriccio è stato molto ispirante.

Grazie come sempre a Davines per l’ospitalità e la cura.

Qui nella gallery le foto “rubate” dell’evento!

World Wide Hair Tour 2018: com'è andata

sophia_finale.jpeg

È stata una corsa incredibile, un'emozione vera questo World Wide Hair Tour 2018, organizzato magistralmente da Davines, il marchio che io e Franco abbiamo scelto per il nostro salone.

Partecipare ad una competizione di questo tipo è esaltante perché mette continuamente alla prova le tue capacità, amplia la tua visione professionale e ti permette di esprimere al meglio la tua creatività. 

Affrontare questa sfida ha comportato mesi di lavoro e di ricerche. Sono partita da una moodboard nella quale ho messo insieme gli elementi e le suggestioni che fanno parte della mia vita: la Pop Art e Andy Warhol, per me di grande ispirazione, Tank Girl che mi ricordava moltissimo la mia modella, Sophia e il Burning Man, l'esperienza-viaggio più incredibile che mi sia capitata.

Da questi elementi sono partita per realizzare il taglio, il colore e lo styling su Sophia Fork, che anche in questa occasione, mi ha prestato la sua meravigliosa personalità. L'opera è diventata come l'avevo immaginata quando Annalisa Caruso mi ha aiutata a scegliere il giusto outfit e Eleonora Sergio ha realizzato il make up perfetto per questo quadro. Le mie ragazze, Laura e Barbara sono state delle assistenti favolose.

Sono estremamente soddisfatta del risultato e felice di aver potuto partecipare ad un evento così importante durante il quale ho potuto riabbracciare persone a cui tengo molto (Ciao Valentina!) e potuto conoscere uno dei miei miti: Tim Hartley che per 30 anni è stato il Direttore Creativo Internazionale di Vidal Sassoon

Ciliegina sulla torta l'inaugurazione del Davines Village, la nuova casa della bellezza sostenibile progettata dagli architetti Matteo Thun e Luca Colombo che conta un’area di 77.000 metri quadrati, circondata da un giardino di 33.000 metri quadrati progettati dallo studio di architettura paesaggistica Del Buono Gazerwitz. Gli interni sono stati studiati e curati dall’interior designer Monica Signani, mentre l’accademia e l’area testspace sono a cura dell’architetto d’interni Charlotte Biltgen per Ame.

Ringrazio tutti voi per il sostegno, i messaggi di incoraggiamento e i voti, è bellissimo sapere di avere intorno una comunità di persone che usano i social come un mezzo vero per comunicare.

Adesso mi riposo un po', che dite, posso? :) Lascio che siano le immagini a parlare!

Grazie di cuore a Davines per la grande accoglienza, organizzazione e gentilezza.

- Alessandra Pucci -


5 idee regalo originali per la festa della mamma

palloncini_mum.jpg

Domenica è la Festa della Mamma! Se sei in crisi e non sai cosa regalarle, qui trovi cinque idee originali per un regalo speciale.

Una foto con lei

Hai tante foto bellissime con lei scattate con il tuo smartphone: è un peccato lasciarle in digitale! Con Cheerz puoi stamparle in formato polaroid e creare un fotolibro da sfogliare insieme sorridendo. Puoi anche creare delle bellissime calamite! Più info qui
 

Un tattoo personalizzato

Tatuarvi lo stesso simbolo potrebbe essere un buon modo per stringere ancora di più il vostro legame speciale. Noi ti proponiamo i tatuaggi temporanei di Titoo For You : puoi personalizzarli come vuoi e sarà divertente farlo con lei!

Un pieno di bellezza

Adora prendersi cura di sé e non esce mai di casa senza una perfetta manicure? I buoni di RiccioCapriccio sono perfetti: scegli il trattamento che più le piace e magari fallo con lei: il tempo speso insieme è il regalo più bello.

Un viaggio solo per voi due

Un regalo che resterà un ricordo intimo per voi due: perché non organizzare un viaggio insieme? Onivà- Viaggi fatti a mano può aiutarti a crearne uno su misura per voi.

Una mostra particolare

Se la tua mamma è una super appassionata d'arte e ama le contaminazioni la MAJE - Klimt Experience a Roma è quello che fa per lei! Una vera e propria Mobile Art Opera che coniuga la spettacolarità delle proiezioni immersive su maxi schermi con una performance multimediale in cui la musica e le nuovi arti visuali realizzate con supporti digitali mobili si incontrano per dar vita ad un moderno happening di art jazz e fotografia contemporanea.

Ti abbiamo aiutato? :) Buona festa della mamma!

 

 

Cruor - Sangue sparso di donne, la personale di Renata Rampazzi

locandina CRUOR .jpeg

#RiccioRecommends è la rubrica che ti segnala eventi imperdibili. Come sai RiccioCapriccio è sempre dalla parte delle donne e combatte attivamente perché vengano rispettate. Per questo abbiamo scelto di segnalarti, grazie al nostro cliente Giorgio Treves, la personale di Renata Rampazzi, CRUOR - sangue sparso di donne dal 6 aprile al 17 giugno 2018 nella Sala Borges della Fondazione Giorgio Cini di Venezia.

L’esposizione, accompagnata da un catalogo con uno scritto inedito di Dacia Maraini e da un testo critico di Claudio Strinati, ruota attorno al tema della violenza nei confronti delle donne, argomento di urgente quotidianità e che riguarda tutti i paesi del mondo, da quelli economicamente più avanzati a quelli più arretrati.

Renata Rampazzi rielabora la tematica della violenza, del sangue, del dolore che aveva segnato la sua produzione artistica, degli anni settanta/ottanta, e lo affronta attraverso una serie di nuovi lavori, realizzati con materiali e forme nuove per comunicare in maniera più diretta e coinvolgente.

Ecco come racconta CRUOR Renata Rampazzi: "Di fronte alla dilagante violenza sulle donne, alla prevaricazione delle anime e dei corpi non è possibile chiudere gli occhi, fare finta di niente. Siamo tutti coinvolti, direttamente interessati, e dobbiamo essere partecipi, ognuno con il proprio senso di giustizia, con le proprie forze, le proprie azioni, la propria responsabilità.

In questo senso anche le arti devono svolgere un ruolo di stimolo. Di provocazione. Di riflessione. Di presa di coscienza. Di ribellione.

L’artista è il testimone del tempo nel quale vive.

Già alla fine degli anni ’70 il tema della violenza, delle ferite, del sangue, del dolore faceva parte del mio universo creativo. Molte mie opere portavano tracce del mio turbamento di fronte a quelle manifestazioni esistenziali di sopraffazione maschile.

Oggi, oppressa dalla recrudescente violenza, sento l’urgenza di ritornare su questo tema. Mi sembra di non averlo esaurito. Reclama un mio rinnovato impegno e bisogno di approfondimento creativo, esistenziale e artistico. Sento la vita come un conflitto, uno scontro di forze, in cui siamo immersi, e che, da attori e vittime, siamo chiamati a affrontare e dominare. Non mi basta più una gestualità liberatoria e di ribellione, devo cercare materiali più direttamente comunicanti, privilegiare l’urgenza dell’azione e il coinvolgimento fisico. Non le tele classiche ma le garze e pigmenti cromatici che rimandano alla medicina e alle cure, e sono strumenti non della mia creatività, ma della realtà che mi avvolge. Devono formare un percorso in cui il visitatore dovrà sentirsi coinvolto fisicamente e emotivamente”.

Vi lasciamo tutti i contatti e le informazioni, l'ingresso è libero. 

CRUOR - sangue sparso di donne

Venezia, Fondazione Giorgio Cini (Isola di San Giorgio Maggiore)

6 aprile - 17 giugno 2018

Orari: dalle 10 alle 18; chiuso il mercoledì

Ingresso libero - mostrarenatarampazzi@gmail.com

 

 

 

Informazioni

 

 

 

Sal8 - I tabù sessuali

sito_500x425_Sal8.jpg

C'è un invito speciale per te! Sarai dei nostri?

Giovedì 12 aprile alle 19.00 ci sarà il nuovo incontro di #Sal8. Parleremo di tabù sessuali.

Conosci già #Sal8?

Lo scorso febbraio abbiamo inaugurato la prima stagione di #SAL8, un nuovo format che ospitiamo, un luogo dove si parla senza pregiudizi e stereotipi degli argomenti che toccano la vita di ognuno di noi, mettendo in campo idee nuove.

Abbiamo trattato di maternità surrogata, di capelli sotto il velo, di giustizialismo e garantismo, di hate speech e in tutte le occasioni la partecipazione è stata attenta e generosa.

Da sempre crediamo e incoraggiamo la libertà di espressione e l’unicità di ognuna come fonte di ricchezza collettiva: per questo Sal8 ha cambiato veste e si è trasformato nel primo spazio libero femminista al 100%, il primo tenuto in un salone di parrucchiere, un luogo che invita a parlare di sé, a esporsi, a dire la propria.

Per farlo abbiamo chiesto la collaborazione di Tuba Bazar, la libreria delle donne che si trova in via del Pigneto 39 a Roma.

Il secondo incontro “Sal8 - I tabù sessuali” vuole darti l’occasione di confrontarti con altre donne sulla sfera della sessualità, sui tabù, le paure, le fantasie inconfessate, le ansie, i sensi di colpa, retaggi socio-culturali che spesso ci fanno sentire in imbarazzo e ci costringono a fingere e mentire sui nostri reali desideri.
Vogliamo sentire la tua voce: ti aspettiamo il 12 aprile alle 19.00 in via di San Giovanni in Laterano, 142.

Con noi saranno Alessandra Di Pietro, giornalista di Gioia!, Viola Lo Moro, socia di Tuba, libreria delle donne, Anita Dadà, fotografa e Mistress, Tiziana Russo, fondatrice di Zou Zou - Sensual Entertainement e special guest Slavina, porno attivista.

L’ingresso è gratuito e riservato ad un pubblico femminile.

Per prenotare il tuo posto invia una mail a info@ricciocapriccio.com newsletter indicando il tuo nome e un recapito telefonico.

Se hai voglia di invitare le tue amiche condividi questo post oppure usa l'evento che abbiamo creato sulla nostra pagina facebook.

Non vediamo l'ora di abbracciarti!

[Ti piace questo invito? L'ha realizzato per noi Alessandra Meneghello, che è bravissima]

Riccio in Japan: ecco com'è andata!

26239645_1752030641495996_109391719692606007_n.jpg

Dall’11 al 22 gennaio le nostre adorate Alessandra e Laura sono state in Giappone per realizzare uno shooting esclusivo con Munenari Maegawa.

Munenari Maegawa è un giovanissimo artista, fotografo e graphic designer giapponese che si occupa di moda e styling, avvalendosi della collaborazione di make up artist di grido e stylist internazionali.

Ecco cosa ci hanno raccontato di questa fantastica esperienza.

Laura: “Appena arrivate a Tokyo mi è sembrato di entrare in un’altra dimensione. Tutto è curato nei minimi dettagli: dalla città all’abbigliamento delle persone, al cibo, all’organizzazione del lavoro. Ero preoccupata all’idea di dover lavorare con persone dalla cultura completamente diversa dalla nostra ma ci hanno accolti benissimo e messo totalmente a nostro agio.

Abbiamo realizzato il nostro shooting lavorando sulle parrucche: per me è stata un’esperienza totalmente nuova. Quando tagli e realizzi uno styling su parrucca è completamente diverso: i capelli si muovono diversamente e cadono sul viso in modo particolare. Mi è molto piaciuto il senso di rispetto e dovere che hanno verso il lavoro: rispettano i tempi e gli spazi altrui pur rimanendo estremamente creativi.”

Alessandra: “Ogni persona creativa dovrebbe vivere un’esperienza a Tokyo. Basta attendere la metropolitana per sentirsi subito in un saggio di moda e cultura. A Tokyo non esistono i trend: tutti si vestono e si pettinano a seconda del loro gusto, del loro umore. Pur essendo molto legati alla loro cultura, molto rispettosi, nello stile amano osare, innovarsi.

Avevo già lavorato sulle parrucche quando rivestivo il ruolo di caporeparto per la Premiata Ditta. Ho imparato però cose nuovissime e apprezzato molto l’energia che si è instaurata con il gruppo di lavoro. Tutto si è mosso con uno spirito di grande condivisione, di semplicità, senza inutili gerarchie: l’intento era finalizzare un’idea e lasciare esplodere la creatività. Flavia ci ha aiutato tantissimo nell’azzerare le barriere culturali. Sono molto grata di aver lavorato con un team così speciale”

Hanno realizzato due shooting, ideati prima su moodboard: uno partito dall’idea del nostro logo, una donna con i capelli super ricci e l’altro invece in contrasto, sia per i colori che per le geometrie.

La prima modella ha i capelli ricci e super vaporosi ma i colori sono pastello, chiari, luminosi, eterei.

La seconda modella invece ha colori più scuri, un taglio più rigoroso e più grafico.

Alessandra e Laura hanno avuto l’onore di collaborare con Kenji Matsushita, stylist, Munenari Maegawa, fotografo, Yukihisa Murayama, stylist e Chihiro Yono, fashion stylist.

Godetevi la gallery con i momenti salienti del viaggio e dello shooting!

Grazie sempre per il vostro sostegno: どうもありがとう


I collaboratori di Riccio: Federico Massimiliano Mozzano

julian

RiccioCapriccio sceglie sempre con molta cura i suoi collaboratori, sia interni che esterni.

Chi fa il nostro lavoro sa quanto è importante avere un’immagine visiva curata, che possa rendere al meglio ogni dettaglio.

Quando ci siamo imbattuti nelle foto di Federico Massimiliano Mozzano siamo rimasti senza fiato. Non ci sono fotografi che sappiano usare la luce come fa lui.

I suoi ritratti in particolare rappresentano un gioco perfetto di luci ed ombre, raccontano chi sono davvero i protagonisti, come sono: le immagini sembrano in grado di parlare.

Tutti i suoi lavori sono strettamente legati all’arte e riportano alle atmosfere dei pittori fiamminghi fino ai potentissimi omaggi a Caravaggio.

Non abbiamo avuto dubbi: era lui la persona giusta.

Ci siamo avvalsi della sua collaborazione per diversi progetti, tutti di grande successo.

Il primo, il ritratto di Sophia, la modella su cui Alessandra ha creato colore, taglio e styling per il World Style Contest Italia 2016, indetto da Davines, la manifestazione internazionale che permette a tutti i parrucchieri che utilizzano il marchio di proporre una creazione di colore e styling che esprima al meglio la loro professionalità e creatività.

Alessandra ha lavorato sul concetto dei confini e su cosa è per lei la bellezza: qualcosa che ti trasmette totale emozione, che è imperfetta, che non si lascia ingabbiare in nessun recinto, che non è antica né moderna, è personale, unica e irripetibile. Con questo progetto si è portata la vittoria a casa.

Successivamente abbiamo coinvolto Federico nel progetto “Ricerca il futuro”, nato nell’ambito di Un Taglio Solidale e che Davines ha adottato e reso come campagna benefica nazionale.

Abbiamo chiesto a Federico di ritrarre le nostre ricercatrici al massimo del loro splendore, spoglie di ogni orpello: erano i volti, gli sguardi, le espressioni, la forza che volevamo trasmettere.

Il risultato è stato magnifico e potentissimo.

Tre ricercatrici italiane si sono aggiudicate le borse di studio, utili a proseguire i loro studi, messe in palio dal brand: Monia Procesi, Grazia Marina Quero e Francesca Russo.

Di recente invece Federico ha realizzato per noi uno shooting ispirato al Giappone, in cui abbiamo voluto rendere il concetto di fluidità, della lotta interiore: una delicata geisha che si scontra con un aggressivo samurai.

Il nostro magnifico modello è stato Julian A.: del concept e dei suoi capelli si sono occupate Alessandra e Laura, gli abiti del marchio Lascivious ci sono stati forniti dalla boutique ZouZou. Ringraziamo di cuore Chiara Moro e Annalisa Caruso.

Vi lasciamo a godervi la gallery! Se siete curios* di scoprire quali altri progetti ha realizzato Federico, qui trovate il suo sito.

Enjoy!


Riccio goes to Tokyo!

1.jpg

RiccioCapriccio comincia il 2018 con una straordinaria collaborazione: dall’11 al 22 gennaio Alessandra Pucci, founder e direttore creativo e Laura Towers, senior stylist voleranno a Tokyo per realizzare uno shooting esclusivo con Munenari Maegawa.

Munenari Maegawa è un giovanissimo artista, fotografo e graphic designer giapponese che si occupa di moda e styling, avvalendosi della collaborazione di make up artist di grido e stylist internazionali.

Sua la famosissima campagna fotografica “Package” realizzata con materiali di scarto: confezioni di M&M’S e McDonalds che si trasformano in accessori, in materiale artistico che ha fatto il giro del mondo.

Potremmo definire il suo stile, riferito in modo particolare ai capelli, Elegant Punk, in cui frangette geometriche si incontrano con sfumature di colore incredibili.

Siamo fierissimi di poter collaborare con questo grande artista anche se, per questo motivo, non potremo garantire il servizio di taglio dall'11 al 22 gennaio. Tutto il resto rimarrà invariato.


Seguiteci su instagram: Laura e Alessandra vi mostreranno il backstage e perché no, tutto ciò che rende Tokyo la città in moto perpetuo.

[Photo courtesy of Munenari Maegawa]

 

Orari natalizi di RiccioCapriccio

500x425_post sito Natale.jpg

Ciao! Sei lì con l'agenda ma non sai in quali giorni saremo aperti per il periodo natalizio

Veniamo subito in tuo soccorso: segna tutto, mi raccomando!

Lunedì 18 dicembre saremo aperti dalle 10.00 alle 19.00

24, 25, 26 dicembre chiusi

Domenica 31 dicembre saremo aperti dalle 9.00 alle 15.00

1 e 2 gennaio e 6 gennaio chiusi

Tranne queste eccezioni rimane tutto come sempre :)

Per prenotare puoi usare:

- il nostro numero telefonico 06 77590845,

- scriverci un messaggio privato sulla pagina fb,

- usare la nostra app,

- scriverci una mail

A presto!

                                                                                                                                                  -