Maniac

Maniac2.jpg

Prendi Emma Stone, prendi Jonah Hill in una versione tutta nuova e magra e buttaci in mezzo una storia davvero ma davvero bizzarra. Voilà, ecco Maniac di Netflix.

C’è un po’ di Eternal Sunshine, un po’ di Lost e un altro po’ di cose a caso se le vogliamo trovare.

La cosa che più intrippa in assoluto è senza dubbio la totale mancanza di punti fermi a livello di ambientazione storica. Sembrano gli anni ’80, ma anche un po’ i ’90. E poi ci sono tecnologie avanzatissime tipo koala viola di peluche che giocano a scacchi ma anche computer giganti con le scrittine verdi e grafiche trash. Insomma, non si capisce QUANDO siamo.

Tutta ‘sta confusione temporale fa però da sfondo ai due personaggi principali, ognuno specialone a modo suo, che si candidano a diventare cavie per un farmaco sperimentale che controlli le emozioni.

In un ambiente protetto che fa tanto Dharma (per quello ho citato Lost, le isole pazzissime non c’entrano niente, lo giuro) Emma Stone, Jonah Hill e altri disperati dovranno rivivere i momenti più traumatici delle loro vite per, si spera, trovare il modo di controllare le emozioni che da lì derivano.

Ora. L’idea è bellona, l’ambientazione di più ma c’è sempre quel che di “ma che cazzo sto guardando” che non ti abbandona praticamente mai. C’è da dire però che io sono arrivata esattamente a metà. Magari poi lo finisco, capisco tutto e ve lo dico.

Intanto, un applauso sentitissimo allo scenografo, perché davvero, è tutto BELLISSIMO.  


franci_def.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

31 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie: puoi seguirla sulla sua pagina facebook Io veramente guarda