Disjointed: sono tornate le serie tv che non fanno ridere

disjointed-netflix.jpg

Kathy Bates io davvero non so cosa ti sia passato per la mente quando il tuo agente ti ha passato la sceneggiatura del pilot di questa cosa.

Manco a dire che c’hai bisogno di lavorare perché insomma eri in American Horror Story le tue cose carine le fai. E invece no, sputtaniamoci alla tua età con una sitcom che pare uscita dagli anni BOH con le risate finte (ma non plausibili come quelle di 2 Broke Girls) e su un tema che mi già annoia al sol pensiero.

Kathy, che a regola ha un mutuo decennale a cui non hanno accettato la surroga, è quindi finita ad interpretare la proprietaria di un negozio di marijuana e combatte da un sacco per farla legalizzare insieme a suo figlio (nero). Insieme a loro ci sono i commessi ovviamente strafatti dalla mattina alla sera. Come lei, che però ha una certa e si veste con dei cenci improponibili che non sto neanche a raccontarvi.

La cosa più tragica è che la serie è di Chuck Lorre, quello che qualche anno fa si era inventato quell’adorabile gioiello che era (ora non lo è più, intendiamoci) The Big Bang Theory.

Kathy sei ancora in tempo per fuggire, ho un amico che sta cambiando banca magari te lo presento.


fran.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

29 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie anche su Io Veramente Guarda.