Summer of love

summer_1.jpg

 

If you’re going to San Francisco

Be sure to wear some flowers in your hair

(Scott McKenzie)

 

 

 

“Assicurati di portare dei fiori nei capelli”: un hairstyling che oggi ci sembra ricco di poesia e delicatezza, ma che nel 1967 aveva sicuramente un altro effetto rispetto alle sposine bucoliche che invadono le bacheche di Pinterest.

Cinquant’anni fa esplodeva ad Haight Asbury, una piccola cittadina vicino San Francisco, la Summer Of Love. Un nome che non poteva che essere simbolico: una lunga estate d’amore declinato in mille sfumature, dal sesso alla musica ai rapporti personali. Fu lo zenit del movimento hippy americano nato sull’onda del pacifismo contro la guerra del Vietnam, se vogliamo semplificare molto un periodo storico ancora troppo vicino per poterlo analizzare con distacco.

La musica si attaccò al seno di questi nuovi rivoluzionari succhiandone l’essenza, ma gli stessi hippies cercavano di mettere in musica i propri ideali d’amore per offrirli nel modo più immediato possibile ai comuni mortali, tanto incuriositi quanto spesso schifati dalle distorsioni mediatiche attorno alla liberalizzazione sessuale. E sempre con i capelli in testa. A giugno, due festival quasi contemporanei sancirono lo stretto legame della musica con la nuova cultura: il Fantasy Fair and Magic Mountain Music Festival e il più noto Monterey Pop Festival, che ancora oggi sembra evocare un periodo fecondo della musica.

L’inno ufficiale della Summer Of Love è “San Francisco (Be Sure To Wear Flowers In Your Hair)”, scritta da John Phillips dei The Mamas & Papas e incisa dalla voce nasale di Scott McKenzie, timido cantautore originario della Florida che forse non si sarebbe aspettato di campare a vita su un brano non suo.

 

All across the nation

Such a strange vibration

People in motion

There's a whole generation

With a new explanation

 

La new generation era soprattutto quella dei musicisti, che iniziavano a modificare i suoni dei loro strumenti e dei loro canti per descrivere realmente quello che sentivano. Addio canzoncine da adolescenti: c’era denuncia, protesta, ma sempre tanto nuovo amore. Musicalmente il 1967 è uno dei momenti più fecondi della storia della musica, in tutto il mondo: a Frisco, anima cultural-sessuale della West Coast post folk, il rock’n’roll reincontra il blues e la psichedelia (dire le droghe sarebbe riduttivo) ed emergono artisti come Janis Joplin, senza ombra di dubbio una delle voci più riconoscibili di sempre. Il suo timbro è il graffio di una tigre abbandonata, rovente come un ferro nella fornace. Ti prende a schiaffi alla prima nota e raggiunge vette che conosce solo lei, ti ci porta e ti abbandona lì incredulo a chiederti cosa diamine tu abbia ascoltato.

A dare manforte alla voce di Janis sono i Grateful Dead, la band più rappresentativa del periodo assieme ai Jefferson Airplane, ai The Doors e ai The Byrds per quanto riguarda i gruppi del Pacifico. Non c’entravano solo le droghe: l’esplorazione di sonorità nuove era una necessità. Anche i cantastorie del folk hanno bisogno di sorreggere i propri testi con la musica adatta e si affidano a produttori che riescono a dar loro modo di farlo. Comincia a farsi notare un giovane musicista che sembra fare l’amore con la sua chitarra, Jimi Hendrix, che pubblica ben due dischi in quest’annata felice.

Una lista esaustiva di dischi che compiono 50 anni nel 2017? Espandiamo gli occhi sul mappamondo e teniamoci forte: in Inghilterra ci sono i Beatles (Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band e Magical Mystery Tour), i Rolling Stones (Between the Buttons e Their Satanic Majesties Request), gli Who (The Who Sell Out) i Pink Floyd (The Piper at the Gates of Dawn) e gli ultimi sussulti dei Cream (Disraeli Gears). Dalle sponde americane arrivano Big Brother and The Holding Company con l’omonimo album (Janis Joplin e la sua band), i Doors (ben due dischi, The Doors e Strange Days), i Jefferson Airplane (bis anche per loro con Surrealistic Pillow e After Bathing at Baxter’s), The Byrds (Younger Than Yesterday) e The Jimi Hendrix Experience (doppietta con Are You Experienced? e Axis: Bold As Love). A New York spopolano le atmosfere dei Velvet Underground (The Velvet Underground & Nico), lontani chilometri ma fondamentali come pochi. Poi i Procol Harum, i Monkees, i Love. Diciamo che vi bastano per accompagnare un inverno intero a cercare di scoprirli.

La fine della Summer Of Love non è solo simbolica, ma reale. Brucia, come un Burning Man nel deserto. Nell’ottobre 1967, dopo diversi disordini ad Haight Asbury per l’incredibile effetto collaterale della troppa libertà, si celebra il funerale degli hippies. Il movimento, così come era esploso, finisce con strascichi di tristezza. La musica non muore ma quella generazione sarà segnata, tre/quattro anni dopo, dalla scomparsa di quegli artisti che avevano avuto carriere fiammanti: Janis, Jimi, Jim Morrison muoiono tra il 1970 e il 1971, tutti a 27 anni e in modi così stupidi da lasciare in bocca tutto l’amaro del rimpianto.


arianna.JPG

MUSIC IS MY RADAR

di Arianna Galati

Scrivo di musica e parlo in radio: due dei lavori più belli del mondo. Collaboro con OnstageMarieClaireNanopress e QNM. Se non sono in giro a caccia di storie, coccolo il gatto o cucino verdure.

Fenty Beauty di Rihanna: make up per tutti

Fenty Beauty.png

Se pensavate di cominciare con un make up detox questo autunno, fermatevi: c’è una nuova regina in città! Si tratta della Fenty Beauty, la nuova linea trucco ideata da Rihanna.

Inaugurata l’8 settembre nel mega store Sephora di Manhattan, ha tutte le carte in regola per mandarci su di giri e renderci, come sempre, più povere di prima.

Lo scopo che Rihanna si propone è quello di rendere il trucco a disposizione di tutti: 40 colorazioni differenti di fondotinta per coprire interamente il range delle carnagioni, da quelle albine a quelle più scure.

“Fenty Beauty was created for everyone: for women of all shades, personalities, attitudes, cultures and races. I wanted everyone to feel included. That’s the real reason I made this line” e finalmente direi. Per anni ho cercato fondi che fossero chiari abbastanza per la mia pelle: puntualmente mi ritrovavo a reinterpretare la parte di un Umpa Lumpa.

La linea al momento è dedicata tutta alla base:

- fondotinta  Pro Filt’r soft matt longwear, oil free, a lunga tenuta, ideale per sopportare afa e umidità,

- primer Pro Filt’r Instant Retouch, opacizzante e levigante,

- correttori e creme da contouring Conceal+Contour, con finitura opaca e leggerissimi,

- illuminanti Killawatt e stick Match Stix correttivi anche in variante shimmer, che restano comunque luminosi e discreti,

- cipria matt Invisimatte Blotting Powder, invisibile, che minimizza i pori,

- pennelli viso.

MR7A0817-3-copy-3.jpg

Il packaging è minimal e molto elegante: il colore è cipriato e olografico, un classicone che guardi per ore ipnotizzata. Gli stick e le creme correttive hanno una parte magnetica e una copertura di forma esagonale, insomma, un livello altissimo di instagrammabilità.

Il prodotto di punta, nonché il preferito di Rihanna, è l’illuminante in polvere pressata Trophy Wife: giallo oro, con una punta di verde. Una sola passata basta per rendersi visibili in tutto il quartiere.

I costi? Si passa dai 34$ del fondotinta ai 25$ degli stick viso, tutto sommato non troppo esosi.

Al momento la linea non è ancora disponibile in Italia ma potete comunque spendere i vostri danari online.

Consentitemi una nota professionale: trovo che il sito sia davvero costruito bene. In particolare è utilissimo lo Shade Finder che aiuta concretamente a scegliere la tonalità giusta per il proprio viso.

Se la voglio? Nì. Nonostante apprezzi moltissimo l’intento e il messaggio di Rihanna non sono tentata al punto tale da comprarli a scatola chiusa, perciò attendo di pucciare i miei ditini negli stand di Sephora Italia.

Un bravò! a Rihanna per l’impegno!


tam.jpg

SHUT UP AND TAKE MY MAKE UP! COME ESSERE SE STESSE MA MEGLIO

di Tamara Viola

Una donna dalla chioma sobria. Socializza molto, online e offline. Puoi leggere i suoi deliri su Citazionisti Avanguardisti. Nel tempo libero si imbelletta, legge e fa parlare i biscotti.

 

 

Hair on Stage 2017 Davines: Riccio c'era!

allilon.jpg

Lo scorso weekend a Bologna si è tenuto l'Hair On Stage di Davines Italia, una manifestazione che prevede la presenza di hairstylist internazionali, formazione, sostenibilità, interventi di ospiti d'eccellenza come spunto per il miglioramento personale e professionale. Noi di Riccio eravamo presenti: vi raccontiamo com'è andata.

"Partecipare a questi eventi per noi è sempre motivo di arricchimento. Sapere che io e il mio staff possiamo incontrare maestri del calibro di Angelo Seminara, professionisti come Jesus Oliver e gruppi fantastici come Allilon e Taylor Taylor London è stimolante e assieme un grande onore." dice Alessandra Pucci, già vincitrice del contest 2016, quest'anno conquistato dalla bravissima Alessandra Albanese.

Le nostre Laura e Barbara hanno avuto l'occasione di fare da assistenti nel backstage della sfilata celebrativa lavorando con Allilon e Jesus Oliver e arricchendo al massimo il loro bagaglio professionale.

Davines rimane un'azienda che riesce a far gravitare attorno a sé una galassia di persone piene di idee e progetti, sempre disposte a lavorare per il proprio e per l'altrui benessere; persone che fanno di questo lavoro motivo di ispirazione e di miglioramento dell'ambiente. Sembra una goccia in mezzo all'oceano ma ogni piccolo gesto contribuisce a rendere sostenibile e più vivibile il nostro pianeta. Questo si propongono i progetti di I Sustain Beauty, tutti diversi e tutti realizzati con uno spirito di amore e attenzione verso gli altri.

Infine, c'è stata la premiazione del progetto Ricerca il futuro, ideato da Alessandra Pucci, Alessandra Di Pietro e Federico Massimiliano Mozzano e sostenuto e realizzato da Davines.

Le tre vincitrici, Monia Procesi, Grazia Marina Quero e Francesca Russo, si sono aggiudicate tre borse di studio del valore di 10.000€ utili a proseguire i loro studi.

Siamo fierissimi di questo risultato: Monia è anche una delle nostre clienti storiche e appoggiamo il suo lavoro, come quello di tutte le ricercatrici che si sono prestate, con grande entusiasmo. La ricerca è il nostro futuro e tutti insieme dovremmo fare il possibile per sostenerla.

Il progetto si è trasformato anche in una mostra fotografica "Ricerca il futuro" che Davines ha finanziato e che sarà itinerante. Sono presenti i volti di tutte queste donne speciali, realizzati con grande maestria da Federico Massimiliano Mozzano, fotografo eccezionale e grande artista.

Ora chiediamo l'aiuto di tutti i parrucchieri: vorremmo portare questa mostra in tutte le città italiane e invitarli a diffondere la raccolta fondi che si svolgerà dal 7 all’11 novembre.

Come concludere? Siamo felici, felicissimi! E vi ringraziamo per il vostro appoggio, per la vostra partecipazione, per il sostegno.

Un grazie speciale a Davines Italia, un'azienda con una visione illuminata e predisposta verso un futuro migliore.

A scuola di sesso

ian-dooley-298780.jpg

“Che succede nei tuoi laboratori? Ma bisogna spogliarsi per forza? Io vorrei tanto farne uno, ma se poi mi vergogno? E guarda, se proprio vuoi la verità a me piace la posizione del missionario, in realtà sono già soddisfatta così”.

Come raccontavo in un altro post, da qualche anno ho scelto di dedicare i miei studi e la mia ricerca artistica al benessere sessuale e alle sue implicazioni politiche. Ho affrontato diverse questioni e sperimentato diverse forme di approccio e quella che preferisco, per una serie di ragioni etiche e pratiche, è il laboratorio.

Che cosa si intende per laboratorio? In generale l'espressione (spesso tradotta con il termine inglese workshop) si riferisce a un'esperienza di apprendimento che prevede una partecipazione attiva. A differenza dell'approccio didattico tradizionale, che è frontale e prevede un rapporto di subordinazione tra chi insegna e chi impara, nel laboratorio la relazione è (o dovrebbe essere) circolare. È come se la persona che conduce il laboratorio mettesse sul tavolo una serie di strumenti e aiutasse chi partecipa ad imparare ad usarli – così allo stesso tempo anche chi insegna impara.

Altra caratteristica del laboratorio è la durata limitata nel tempo – qualche ora, una giornata intera, al massimo un finesettimana. Probabilmente è grazie a quest'ultima caratteristica che i workshop ultimamente vanno molto di moda.

Viviamo con l'ossessione della formazione permanente ma fatichiamo a trovare il tempo e la concentrazione per studiare: per questa ragione hanno successo questi momenti di immersione totale. Però in realtà la loro finalità è quella di trasmetterci la voglia di continuare, andare avanti, approfondire; non a caso ho parlato di esperienze di apprendimento perché nel laboratorio ad essere protagonista è piú chi impara che chi insegna. O almeno cosí dovrebbe essere.

E i workshop sul sesso? A cosa servono, perché si fanno, cosa si può imparare?

Ce ne sono di molto tecnici (per esempio quelli su argomenti concreti e circoscritti, come lo squirting o il bondage), altri che affrontano tematiche a più ampio raggio (come il bdsm o il sesso tantrico); alcuni sono dedicati esclusivamente a un pubblico femminile, altri sono misti, altri si frequentano in coppia. A seconda dell'esperienza che si sceglie di fare si imparano cose diverse e anche il livello di implicazione fisica è sempre diverso: dovrebbe essere comunque sempre garantita ed esplicitata (da parte di chi conduce) la possibilità di potersi sottrarre o di non fare qualcosa che ci mette a disagio. Nei miei laboratori lo è: non mi stanco mai di specificarlo a parole e di chiedere feedback per capire se le persone stanno vivendo bene l'esperienza. Cerco di lavorare sulla consapevolezza: accompagno ma faccio in modo che le persone siano coscienti di quello che fanno in ogni momento. Ho notato che c'è una strana ambivalenza nell'approccio a queste esperienze: molte persone hanno paura di essere spinte a far cose che in realtà non sarebbero pronte a fare e in questa paura c'è in realtà il desiderio di avvicinarsi al “proibito” non assumendosi la propria parte di responsabilità. La lezione l'ho imparata da una grande maestra, Annie Sprinkle (artista statunitense che possiamo considerare la prima attivista postporno), che all'inizio di un laboratorio dull'ecosessualità ci fece promettere solennemente che avremmo fatto solo quello che volevamo realmente fare noi, non quello che diceva Annie Sprinkle.

Un tratto che unisce queste proposte che possono essere molto differenti tra loro è la ricerca di stimoli, sollecitazioni, aperture verso qualcosa di nuovo che pensiamo potrà piacerci o potrà arricchirci interiormente o semplicemente potrà farci divertire.

A meno che non sia esplicitato un intento terapeutico, se facciamo un laboratorio sul sesso è perché abbiamo voglia di sperimentare – e sarebbe meglio farlo quando ancora ci piace “la posizione del missionario”, non quando abbiamo disperatamente bisogno di qualcosa di diverso perché ci manca l'aria. In ogni caso, anche a partire dallo smarrimento e dalla disperazione, un laboratorio sul sesso può farci del bene.

“Ok, ma non l'hai detto cosa succede nei tuoi laboratori”

Certo che no. Se volete davvero saperlo, troverete il coraggio di provare.


slavina.jpg

FRONTE DEL PORNO

di Slavina Perez

Pornografa femminista e (quasi di conseguenza) educatrice sessuale, Slavina vive tra l'Italia e la Spagna promuovendo attraverso spettacoli e laboratori una svergognata consapevolezza sui temi del corpo, del genere e del sesso. Su facebook con la pagina Intimidades Compartidas.

Atypical: essere speciali davvero

atypical-trailer1.jpg

Io davvero non so quante altre serie Netflix ha intenzione di produrre, pare non si dia pace.

Stavolta è il turno di Atypical, una serie tenerella su Sam, un ragazzino speciale nello spettro dell’autismo che decide di trovarsi una fidanzata.

La delicatezza con cui TUTTO viene affrontato è davvero ammirevole.

Si sorride senza sentirsi dei mostri che ridono di uno coi probblemi e ci si commuove perché NO VABBE’ LA TENEREZZA. Tra l’altro Keir Gilchrist (!) è di una bravura rara nell’interpretare il protagonista e non si può che volergli bene. Certo, se ti vedi cinque puntate di fila come ho fatto io c’è il rischio che ti prenda un po’ a male. Perché bella la tenerezza, bello tutto ma insomma sempre di un ragazzo autistico che cerca l’anima gemella stiamo parlando e insomma tutte 'ste matte risate non te le fai.

Le puntate comunque sono brevi, un sacco intense e poche. Otto episodi per una serie adorabile e da prendere a piccole dosi se siete sensibilissimi tipo me che è tutto un piangere per qualsiasi cosa.

W Netflix, w gli argomenti difficili trattati coi guanti bianchi.


fran.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

29 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie anche su Io Veramente Guarda.

Festival Inquiete: una festa mobile al Pigneto

21462890_266538007172169_4993640603381426925_n.jpg

E’ stato un successo strepitoso la prima edizione di Inquiete, il festival di scrittrici che si è tenuto a Roma, nei luoghi del Pigneto, dal 22 al 24 settembre.

Nato dall'idea di Barbara Leda Kenny, Viola Lo Moro, Francesca Mancini, Barbara Piccolo e Maddalena Vianello realizzato attraverso l’Associazione MIA. si è proposto di essere uno spazio per ridisegnare il ruolo delle donne nella letteratura.

Quando ci siamo imbattuti nel video di presentazione per la raccolta fondi a sostegno di questa iniziativa, abbiamo subito voluto farne parte, proponendoci come sponsor.

Per tre giorni l’isola pedonale del Pigneto, la biblioteca Goffredo Mameli, la libreria Tuba Bazar, il ristorante Infernotto e lo spazio culturale Fivizzano27 si sono trasformati in una festa mobile: centinaia di persone di tutte le età si sono incontrate, hanno partecipato attivamente agli eventi, hanno letto e comprato libri, chiacchierato, bevuto, mangiato, giocato, insieme.

Sono state straordinarie le ragazze di Inquiete, le ragazze di Tuba Bazar, che hanno delineato una scaletta di eventi al ritmo giusto, che sono riuscite a dare spazio a mille argomenti, come l’incontro con Alessandra Di Pietro e Igiaba Scego sugli stereotipi della bellezza con una platea attentissima e curiosa; come i laboratori dedicati ai bambini, gli attacchi poetici, le parole di scrittrici grandissime.

E’ stato bellissimo: non vediamo l’ora di rifarlo!

Ringraziamo le ragazze di Tuba per questa possibilità, Alessandra Di Pietro, giornalista, scrittrice e amica preziosa di Riccio, Igiaba Scego e tutte le persone che hanno partecipato, che hanno appuntato sulla loro giacca la nostra spilletta, che hanno arricchito queste giornate.

Al prossimo anno!

Ph. Maila Iacovelli, Maria Cafagna, Chiara Pasqualini

Disjointed: sono tornate le serie tv che non fanno ridere

disjointed-netflix.jpg

Kathy Bates io davvero non so cosa ti sia passato per la mente quando il tuo agente ti ha passato la sceneggiatura del pilot di questa cosa.

Manco a dire che c’hai bisogno di lavorare perché insomma eri in American Horror Story le tue cose carine le fai. E invece no, sputtaniamoci alla tua età con una sitcom che pare uscita dagli anni BOH con le risate finte (ma non plausibili come quelle di 2 Broke Girls) e su un tema che mi già annoia al sol pensiero.

Kathy, che a regola ha un mutuo decennale a cui non hanno accettato la surroga, è quindi finita ad interpretare la proprietaria di un negozio di marijuana e combatte da un sacco per farla legalizzare insieme a suo figlio (nero). Insieme a loro ci sono i commessi ovviamente strafatti dalla mattina alla sera. Come lei, che però ha una certa e si veste con dei cenci improponibili che non sto neanche a raccontarvi.

La cosa più tragica è che la serie è di Chuck Lorre, quello che qualche anno fa si era inventato quell’adorabile gioiello che era (ora non lo è più, intendiamoci) The Big Bang Theory.

Kathy sei ancora in tempo per fuggire, ho un amico che sta cambiando banca magari te lo presento.


fran.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

29 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie anche su Io Veramente Guarda.

La corsa è una fregatura

running.jpg

La corsa è una fregatura. Lo penso mentre metto la crema sui lividi che mi sono rimasti sulle gambe dopo i massaggi dell’osteopata. Mentre guardo le ferite della fascia cardio sul torace e sulla schiena per lo sfregamento contro la pelle dopo il lungo da 28 chilometri. Mentre impacchetto di argilla la tibia dolorante prima di andare a dormire.

“Ma come, non sei qui per motivarmi a fare sport?”, potrebbe chiedersi la lettrice in cerca di ispirazione per alzarsi dal divano e fare un po’ di movimento.

È che io e la corsa al momento siamo in una relazione complicata: la passione iniziale si è trasformata in dipendenza, ossessione, poi quasi noia, e infine il senso ritrovato, la motivazione forte della maratona. E ora? Corro da quattro anni e mi sembra che io e lei oggi parliamo un linguaggio diverso. Quando ci frequentiamo litighiamo. Io principalmente tengo il broncio. O comunque scappo quando le cose diventano difficili.

La colpa credo sia sempre sua: la maratona.

Un investimento emotivo prima che fisico. Gli allenamenti lunghi, che ti danno tutto il tempo per pensare e meditare, meditare e pensare: "ma chi me lo ha fatto fare"?

Uscire con il caldo e con il freddo. Anche in vacanza. Anche quando hai dormito poco.

La fisioterapia, che pure costa i suoi soldi.

Il potenziamento, perché gli esercizi - addominali, piegamenti, squat - per mantenere una buona postura non te li toglie nessuno, almeno una volta a settimana.

Quando qualcuno mi scrive per raccontarmi che ha appena cominciato a correre penso "beato lui". Come quando ti fidanzi. Che batticuore a ogni appuntamento!

Io invece mi ritrovo a pensare alle “altre”: la bici, la canoa persino. O, affronto supremo, la camminata veloce!

“E quindi vi lasciate?”

Be’ non sono una che molla alla prima crisi. È che comunque mi tiene legata. Perché la corsa conosce certi lati di me come nessun altro. Me li fa vedere, me li mette davanti a ogni sudato allenamento. Credo sia un modo carino per dirmi che posso essere meglio di così, e mi indica la strada per provarci.

La corsa è una fregatura. Eppure sono ancora qui.


donty_foto.jpg

SHOOT THE RUNNER

di Donata Columbro

Giornalista e consulente digitale con una missione: aiutare le storie a incontrare i lettori. Scrive di Africa e attivismo digitale su  InternazionaleWired ItaliaVita.it. Corre per godersi Roma quando non c'è nessuno per strada e lo racconta spesso su Snapchat (@dontyna).

Lo Studio 54

s54.jpg

Lo Studio 54, il Piper Disco

Ma Amanda Lear è una femmina o un maschio?

Piotta - Supercafone

Ci sono luoghi che hanno fatto la storia della musica. Che piacciano o meno, si intende: anche chi non ama il punk statunitense dovrebbe sapere quello che è stato il CBGB’s, così come chiunque dovrebbe conoscere le storie racchiuse nel Chelsea Hotel o a Carnaby Street a Londra. È così: certi posti hanno descritto epoche e mode meglio di chiunque altro. Molti sono scomparsi, inghiottiti dal mercato immobiliare, da demolizioni o riqualificazioni che hanno provato a cancellare i fantasmi gloriosi del passato.

Un indirizzo che suonerà familiare a zii e genitori cosmopoliti di molti di noi è il 254 West 54th Street, tra la Eight Avenue e Broadway, a Manhattan. Lì, tra il 1977 e il 1984, si sono consumati i sette anni più effimeri e divertenti della vita notturna newyorkese: era a quell’indirizzo che vedevi scintillare glitter e paillettes, entravi con zeppe esagerate e con microabiti quando non veli su corpi seminudi, o nudità totale), le confusioni sessuali venivano incoraggiate. La selezione all’ingresso era durissima e impossibile, ma era lì che venivano stabilite, in buona sostanza, una gran parte della discografia, le nuove tendenze fashion e soprattutto le notizie sui giornali di gossip del giorno dopo.

Quel posto lì era lo Studio 54.

La sua storia era ben più anziana di molte delle persone che ci passavano dentro: aperto originariamente come teatro nel 1927, nel 1943 divenne lo Studio 52 della CBS per le trasmissioni radiofoniche e la sua placida funzione durò fino al 1976, quando l’emittente traslocò e vendette le mura.

Furono due persone semisconosciute ed ex colleghi di confraternita, l’ex militare e broker Steve Rubell e l’agente immobiliare Ian Schrager che decisero di investire 400mila dollari per risistemare lo spazio e aprire un club dedicato alla musica disco, la vera ventata di novità falsamente effimera degli anni Settanta. Non se ne poteva più dell’impegno, della denuncia e della lotta: le persone si volevano divertire, volevano ballare, volevano sentirsi glamour. La difficile e pericolosa New York aveva bisogno di un posto così: dove tutti gli eccessi fossero possibili, senza giustificazioni o pregiudizi.

Lo Studio 54 fu inaugurato pur senza avere la licenza di vendere alcolici. Piccole magagne burocratiche, scavalcate a destra dalle proposte musicali curate da Billy Amato Smith: nel giro di pochi mesi, con tanti saluti alle autorità newyorkesi, salirono sul palco dello Studio 54 Grace Jones, Donna Summer, Stevie Wonder, James Brown, Gloria Gaynor, Sylvester, Amii Stewart, persino i Village People e Anita Ward. Questo, come cantanti; perché di Vip di ogni tipo era pieno praticamente tutto il circondario. Gli ospiti delle serate erano persone come Mick Jagger,  Bianca Jagger (fu lei che festeggiò il suo compleanno, organizzato dallo stilista Halston, entrando in pista sopra un cavallo bianco), il futuro Presidente degli Stati Uniti Donald Trump con la moglie Ivana, Dolly Parton, Karl Lagerfeld, Elizabeth Taylor e molti altri. C’era talmente tanta gente a fare la fila fuori, e dentro si spendeva e spandeva senza ritegno, che addirittura Steve Rubell scherzò sul fatto che solo la Mafia faceva più soldi di loro.

E infatti lui e Ian furono accusati di evasione fiscale due anni dopo, e processati con tanto di prigione: nascondevano i guadagni di tanto divertimento in buste della spazzatura stipate nel controsoffitto. Rubell e Schrager finirono in prigione e nel dopo trentatré mesi da favola, la fama dello Studio 54 si concluse definitivamente con la vendita del locale. Ma come tutte le cose più belle ed effimere, ha ispirato le generazioni per tutti gli anni a venire.

Piccola incursione: la nostra Alessandra Pucci ti regala una playlist tutta da ballare! La trovi qui.

 Per rivivere quegli anni magici qui un video :)

arianna.JPG

MUSIC IS MY RADAR

di Arianna Galati

Scrivo di musica e parlo in radio: due dei lavori più belli del mondo. Collaboro con Onstage, MarieClaire, Nanopress e QNM. Se non sono in giro a caccia di storie, coccolo il gatto o cucino verdure.

Festival InQuiete: Riccio c'è!

Schermata-2017-06-27-alle-15.24.13.png

Siamo felicissimi di annunciarvi che RiccioCapriccio è uno degli sponsor del Festival di scrittrici a Roma InQuiete che si terrà dal 22 al 24 settembre.

Nato dall'idea di Barbara Leda Kenny, Viola Lo Moro, Francesca Mancini, Barbara Piccolo e Maddalena Vianello realizzato attraverso l’Associazione MIA. si propone di essere uno spazio per ridisegnare il ruolo delle donne nella letteratura.

"L’idea di un festival che mettesse al centro l’intelligenza e il talento delle donne ci girava in testa da tempo, ed è questo progetto che ci ha fatte incontrare e ha messo in moto una macchina organizzativa desiderante. Abbiamo voluto costruire uno spazio di parola pubblica, di incontro, riflessione. Uno spazio vitale. Tre giornate dedicate alle donne che scrivono, alle lettrici e ai lettori. Un tempo per stare insieme, per mettere in comune un patrimonio prezioso, per rinsaldare il patto narrativo fra le scrittrici e il pubblico. Un festival per dare visibilità alle scrittrici e mettere in luce una parte di mondo più ampia e immaginare orizzonti e soluzioni diverse. inQuiete è la nostra risposta a chi pensa ancora che le donne raccontino storie minori, siano protagoniste solo in seconda serata, non trovino spazio nella permanenza."

Il Festival si svolge sull’isola pedonale del Pigneto, presso la Biblioteca Goffredo Mameli, la Libreria Tuba e il Ristorante l’Infernotto.

Riccio partecipa attivamente: il 23 settembre alle 16.00 presso la Libreria Tuba  si terrà l'incontro "L'eleganza del riccio", una discussione sui canoni di bellezza e libertà delle donne con Alessandra Di Pietro e Igiaba Scego. Il programma è ricchissimo di iniziative: trovate l'elenco completo qui .

Non vediamo l'ora di vedervi, abbracciarvi e scambiarci consigli di libri!

 

#JustFiveThings: i cinque indispensabili del mio make up

fashion-girl-makeup-paint.jpg

Da qualche tempo sul web impazza l’hashtag #JustFiveThings: le cinque cose indispensabili. Il sistema viene applicato a molti ambiti: bellezza, cucina, salute.

Oggi vi indico i miei cinque fondamentali del make up, immaginando di essere in un luogo dove non esistono delle Sephora.

Protezione solare

Ok, forse sono un po’ ossessionata ma la protezione solare salva la pelle da macchie, segni d’invecchiamento e malattie ben più gravi. Quest’anno ne ho provate diverse in versione spray, le trovo più pratiche. La mia preferita? E’ della Roche Posay: invisibile, non occorre spalmarla e protegge benissimo.

Mascara

Come si può rinunciare a delle ciglia scerbiattose? Anche senza ombretto e eyeliner, lo sguardo può essere vivo e aperto. Il mio prediletto del momento? Il Better Than Sex di Too Faced che con il suo scovolino a farfalla allunga e infoltisce.

Burro di cacao

Detesto le labbra secche e disidratate. Per questo sono una consumatrice folle di burrocacao: adesso sto utilizzando il Bee’s wax lip balm di Burt’s Bees alla cera d’api, anche come impacco notturno.

Correttore

Sono portatrice sana di occhiaie da che ne ho ricordo. Per questo, anche quando non indosso il fondotinta, cerco sempre di coprirle. Mi piace tantissimo il Lock It di Kat Von D, disponibile in una miriade di colori.

Acqua profumata

Va bene, non è proprio un pezzo di make up ma nella stagione calda non riesco a farne a meno: quelle della Frais Monde sono senza alcool, fresche e delicate.

 

Quali sono le vostre #JustFiveThings?


tam.jpg

SHUT UP AND TAKE MY MAKE UP! COME ESSERE SE STESSE MA MEGLIO

di Tamara Viola

Una donna dalla chioma sobria. Socializza molto, online e offline. Puoi leggere i suoi deliri su Citazionisti Avanguardisti.

Nel tempo libero si imbelletta, legge e fa parlare i biscotti.

 

 

Riviera: ricchissimi e tendenzialmente molto loschi

SERIE_TV_RIVIERA.jpg

10 Cose che odio di te l’avete presente tutti, GIUSTO?

Ecco, Julia Stiles è diventata grande e dopo film di dubbio gusto (Omen, molta paura) è approdata su una nuova serie tv prodotta da Sky dove la gente è ricca ma ricca da far schifo, frequenta le aste di quadri perché i soldi veri girano lì e gli uomini muoiono su barche di millemila metri in circostanze sospette mentre ragazzine si lanciano nude in mare.

Riviera è un thriller, ci sono misteri dappertutto e nel cast spuntano personaggi indimenticabili tipo l’Irina Derevko di Alias e Simon di Misfits che poi vabbè ha fatto pure GOT ma anche un po’ che due palle.

Tutto il pilot è il cliché del cliché, c’è l’ex moglie cattivona ricchissima (Irina!), la nuova moglie giovane odiata ma anche amata (Julia Stiles aka Georgina), i tre figli tra cui la ragazzina problematica che si taglia le braccia, il ragazzo che uuuh chissà cos’ha da nascondere ed il tossico ma con stile che ha successo, Ferrari e kg di bamba.

Il padre di questi tre casi umani è quello che muore nelle circostanze di cui sopra e dopo 8 minuti di puntata è chiaro che c’è del losco in riviera.

La cosa mega ridere di tutto ciò è soprattutto il fatto che l’ambientazione è, appunto, nella riviera francese fatta di green screen e gente che parla francese.

Tutto trashissimo ma che vuoinonvuoi ti fa venir voglia di sapere come andrà a finire. E allora sì, bravi tutti!

Ps. “nemmeno un po’, nemmeno un pochino, nemmeno niente”. Sipario, applausi.


fran.jpg

IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

29 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie anche su Io Veramente Guarda.

Cinque modi per sopravvivere al ritorno dalle vacanze

andreas-weiland-252618.jpg

La fine delle vacanze ti rende una drama queen? Non temere: qui ci sono cinque consigli per sopravvivere al ritorno in città.

Fai la turista nella tua città

A Roma si sa, basta una passeggiata per sentirsi subito immersi nella storia. Durante l’anno è difficile godersi le iniziative proposte a causa dei troppi impegni e ci sono milioni di cose da fare che possono renderci felici. Sapevi che Piazza di Spagna nasconde un piccolo segreto? Proprio accanto alla scalinata, c'è un delizioso museo. È la Keats-Shelley House, che parla del legame tra Roma e i grandi autori del romanticismo inglese. Il museo è aperto tutti i giorni, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14 alle 18, tranne la domenica.

Cambia un’abitudine

Fai colazione tutte le mattine nello stesso bar? Percorri sempre la stessa strada per andare a lavoro? Domani sperimenta: prova il cappuccino di quel caffé stupendo, chiedi a google di ricalcolare il percorso, basta pochissimo per scoprire qualcosa di nuovo!

Lavora al tuo progetto del cuore

Il tuo cassetto straripa di sogni abbandonati? Bene, è giunto il momento di realizzare almeno uno! Iscriviti a quel corso di fotografia che ti piaceva tanto o comincia a programmare il viaggio che hai sempre voluto fare: avere un obiettivo personale da curare renderà le giornate più leggere e serene.

Prenditi cura di te

Se le doppie punte hanno cominciato a parlarti o la pelle del viso tira regalati una coccola speciale: una seduta dal parrucchiere per cambiare look e una maschera idratante ti faranno sentire subito bellissima!

Organizza un picnic

Roma è ricchissima di parchi e le giornate sono splendide: approfittane per organizzare un picnic con gli amici! Bastano una coperta e un po’ di cibo delizioso, da preparare a casa e portare in un bel cestino. Se invece non hai voglia di pensare a tutto, a Villa Pamphili trovi Vivi Bistrot per un picnic indimenticabile!

 Ti senti già meglio, vero? :)

Ozark: Jason Bateman sposami

Ne è passato di tempo da Arrested Development, la cosa più bella mai andata in onda nell’Universo Mondo. Adesso Jason Bateman è ancora più favoloso di prima e ha deciso di strafare: in Ozark fa tutto lui e pensa, lo fa pure bene.

In parecchi parlando della nuova serie Netflix hanno buttato in mezzo Breaking Bad perché sì ok personaggio buono che si deve reinventare perché sennò sono cazzi, ma per ambientazione, fotografia e regia tutto in Ozark urla più che altro Bloodline (sempre di Netflix), se proprio vogliamo trovargli un parente.

Se invece ce ne sciacquiamo e ce lo godiamo per quel che è, i 10 episodi sono, oltre che belli e scritti ed interpretati splendidamente, pure molto lenti, ma quella lentezza che fa bene nel 2017 dove "eeeh 30 minuti e già ho capito tutto sì chiaro ok che mi frega delle puntate dopo".

Insomma la lentezza delle cose che un po’ ci mettono ad entrare nel vivo ma ehi, quando lo fanno non ce n’è per nessuno.

Se siete orfani di quel tipo di narrazione un po’ per grandi, quella che devi seguire e che non puoi star lì a guardare twitter nel frattempo, ecco, Ozark diventa una cosa molto ma molto bellissima. E Jason pure come regista spacca MA IO NON AVEVO DUBBI JASON TI RICORDI DI ME IO TI VOLEVO SPOSARE GIA’ ANNI FA CIAO RINTRACCIAMI.


IO VERAMENTE LA FAVOLOSITA'

LA FAVOLOSA RUBRICA SPIN-OFF DI IO VERAMENTE GUARDA

di Francesca Giorgetti

29 anni, ultimamente romana ma pratese per sempre. Appassionata a livelli patologici di serie tv e Maria De Filippi. Lavora in tv e scrive di serie anche su Io Veramente Guarda.

Fare sport per trovare il coraggio

Quando ho corso la mia prima mezza maratona (21 chilometri) ho creato una playlist dal titolo “Il coraggio di presentarsi alla linea di partenza”.

Nei mesi precedenti alla gara stavo sperimentando un misto di adrenalina e paura che fino al giorno prima, a chi mi chiedeva se stessi correndo così tanto per un motivo specifico, spiegavo che “in teoria” mi ero iscritta a una gara, in pratica chissà, non ero così sicura di andarci. Avevo una paura matta di non riuscire a finirla. Di fermarmi prima, di esplodere dopo 10 chilometri anche se una volta ne avevo già corsi 15 ed era andata bene. 
L’anno in cui ho scoperto la corsa ogni piccolo traguardo mi ha fatto scoprire di poter superare tutti i limiti in cui mi ero auto definita: “non hai fiato”, “non sei una sportiva”,  “le cose importanti a cui dedicare il tempo per una persona come te sono altre”. Chilometro dopo chilometro invece ho scoperto molto altro: dopo che inizi a calcolare la corsa in minuti (“non mi sono fermata dopo 30!!), passi poi ai chilometri e infine a riconoscere che sulla stessa distanza, se ti alleni con frequenza, puoi migliorare la velocità.

La paura per i miei primi 21 chilometri si è trasformata in gioia pura una volta arrivata al traguardo, una gioia che ho riprovato quest’anno quando ho percorso in allenamento i miei primi 36 chilometri in preparazione alla maratona di Roma. Durante i 36 ho avuto di nuovo paura, paurissima di non farcela. Volevo fermarmi, chiamare un taxi che mi portasse a casa, non capivo perché mi ero messa in testa di voler fare una maratona, 42 km. “È assurdo, continuavo a ripetermi, ti sei cacciata in questo pasticcio da sola, te ne rendi conto?”. Il cervello si è divertito per parecchi chilometri a tentare di scoraggiarmi.  
Poi invece li ho finiti e una volta a casa ho pianto di gioia. Il coach mi ha scritto “per me sei una maratoneta già oggi” e lì ho capito che la gara sarebbe stata una festa.

Vi racconto questo perché la paura è inevitabile quando affronti una nuova esperienza. Anzi, è persino sana. Se ho paura valuterò attentamente ogni variabile e sarò pronta ad affrontare tutti gli imprevisti (quelli che posso controllare, è chiaro). Provare paura è questione di sopravvivenza, di mantenere una certa distanza davanti al pericolo. L’unico problema è che può impedirmi di fare qualcosa solo perché mi fermo prima di affrontarla, e di accettarla come parte dell’esperienza.

Elizabeth Gilbert, l’autrice di Mangia Prega Ama, in un libro dedicato alla creatività scrive che la paura è fondamentale per il suo lavoro. Che ogni volta che sta per intraprendere un nuovo progetto la porta con sé, come fosse il passeggero di un viaggio in bla bla car. “L’importante è non mandarla alla guida”. 

Allenarsi per uno sport che mi sfida a superare i miei limiti è allenarsi a trovare il coraggio, sempre. Non ci si può pentire di prendere questa strada.


SHOOT THE RUNNER

di Donata Columbro

Giornalista e consulente digitale con una missione: aiutare le storie a incontrare i lettori. Scrive di Africa e attivismo digitale su  InternazionaleWired ItaliaVita.it. Corre per godersi Roma quando non c'è nessuno per strada e lo racconta spesso su Snapchat (@dontyna).

Make up adesivo: Violent Lips

lips

Con l’estate la voglia di truccarsi si riduce a zero: la sola idea di spennellarsi il viso con fondotinta, ombretti e quant’altro ci fa impazzire e aneliamo un minimo di abbronzatura che ci permetta di portare il viso nudo e magari, si spera, sudare un po’ meno.

Dagli Stati Uniti però, arriva una nuova tendenza: quella del trucco adesivo.

Le sorelle Isabella and Sophia Haddad hanno fondato nel 2011 la Violent Lips, azienda di make up tutta dedicata al trucco trasferibile, come concetto molto simile ai tatuaggi temporanei Paperself di cui vi avevo raccontato qui (sono bellissimi d’estate!).

La Violent Lips ha una serie di combinazioni di rossetti particolarissime e adesso alla collezione si sono aggiunti anche i trasferibili per gli occhi, a metà fra la linea di eyeliner Winehouse style e l’ombretto.

Usarle è semplicissimo.

Cosa vi serve? Un paio di forbici, del cotone inumidito con un po’ d’acqua, uno specchio e i vostri Violent lips/eyes.

Occorre prenderci la mano ma trovo che siano una bella soluzione in questi mesi caldissimi per dare un tocco di colore agli occhi e alle labbra.

Durano dalle quattro alle otto ore e possono essere eliminati con l’uso di un olietto o semplicemente tirando via la stringa.

Sul loro sito, oltre alla lista di prodotti, trovate anche dei mini tutorial che vi aiutano ad applicarli al meglio.

I prodotti non sono testati sugli animali, sono adatti ai vegani e sono prodotti al cento per cento negli Stati Uniti.

Potete acquistarli online sul loro sito o nelle Sephora statunitensi.

Chi l’avrebbe mai detto che appiccicare le figure sull’album di Beverly Hills sarebbe tornato utile un giorno!


SHUT UP AND TAKE MY MAKE UP! COME ESSERE SE STESSE MA MEGLIO

di Tamara Viola

Una donna dalla chioma sobria. Socializza molto, online e offline. Puoi leggere i suoi deliri su Citazionisti Avanguardisti.

Nel tempo libero si imbelletta, legge e fa parlare i biscotti.

Hai già preparato la tua valigia?

valigia

Sei iscritt* alla nostra newsletter? Qui ti riportiamo i consigli dell'ultima che abbiamo inviato; se ti piacciono e ti sono stati utili basta un click: ogni mese nella tua casellina di posta ti aiutiamo a risolvere i piccoli grandi dilemmi del quotidiano. Abbiamo inviato anche un regalo: una fantastica packing list realizzata dalla nostra graphic designer Alessandra Meneghello; è utilissima per organizzare la valigia senza dimenticare proprio niente!

 

Non stiamo più nella pelle: dopo un lungo anno di lavoro finalmente ci godiamo le nostre meritate vacanze!
Il salone resterà chiuso dal 13 al 21 di agosto: tutti abbiamo destinazioni diverse ma prima di darci alla pazza gioia, ti lasciamo qualche consiglio utile per prenderti cura dei tuoi capelli anche in vacanza, in modo semplice e veloce.
Come dice sempre il nostro Andrea, hair stylist junior, "i capelli vanno difesi, non rimpianti"!

Consiglio #1
La scarsa idratazione è nemica dei tuoi capelli: che tu sia in montagna o al mare, usa sempre un cappello, un foulard o un turbante: fa molto diva e ti tiene al riparo dai raggi UV. Non dimenticare la protezione solare per viso e corpo!

Consiglio #2
I prodotti in spray sono la salvezza: noi ti consigliamo il SU hair milk di Davines: idrata, è leggero, contiene dei filtri che ti proteggono dai raggi UV e può essere usato sui capelli asciutti o bagnati. Ha un profumo celestiale!

Consiglio #3
Scegli shampoo e conditioner giusti: avrai i capelli sempre morbidi, il colore durerà a lungo e il crespo avrà vita durissima. Se hai bisogno di un consiglio personalizzato scrivici: saremo felici di consigliarti i prodotti per giusti per le tue esigenze. Intanto, tre fra i nostri preferiti della famiglia Essential Care: Love per capelli ricci, Minu per capelli colorati e Nou Nou per capelli sfruttati.

Consiglio #4
Phon e piastra: aiuto! Se puoi, lascia che i capelli si asciughino all'aria ma non dimenticare di coccolarli. Ti basterà usare uno spray protettivo e metterli in piega realizzando delle trecce o uno chignon morbido: avrai delle onde bellissime il mattino seguente!

Consiglio #5
Se lavi i capelli troppo spesso puoi indebolirli: le creme lavanti fanno al tuo caso. Non sono schiumogene e non hai bisogno del conditioner dopo. Una bella soluzione, vero? :)

Consiglio #6
Goditi queste giornate. Sorridi, balla, nuota, corri, leggi, divertiti: questo tempo è solo tuo e ti serve per tornare in città con tanta energia.